f Attentato Brindisi: la solidarietà del comune di Bagheria alla famiglia di Melissa Bassi | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Attentato Brindisi: la solidarietà del comune di Bagheria alla famiglia di Melissa Bassi

sabato 19 maggio 2012, 15:52   Attualità  

Letture: 1.167

Appresa la notizia dell’ attentato di stamattina a Brindisi nel quale ha  perso la vita una ragazza (Melissa Bassi nella foto) e sono rimasti feriti alcuni studenti a causa di un’esplosione di ordigni, il sindaco Vincenzo Lo Meo a nome della Giunta, il presidente del Consiglio Comunale Caterina Vigilia, a nome dell’intero Consiglio, e l’assessore alla legalità Francesco Cirafici,condannano fermamente il vile atto terroristico.

”In un momento in cui si ricorda in tutta Italia l’uccisione di Giovanni Falcone, simbolo della legalità, giunge inaspettata la terribile notizia di questo attentato- dichiara Lo Meo. L’amministrazione di Bagheria è vicina e solidale alle famiglie che sono state colpite dal tragico evento, condanna fermamente il barbaro gesto e auspica un ritorno ai valori forti della legalità e della giustizia”.

Il presidente del Consiglio Comunale Caterina Vigilia continua: ”In tutta la nazione, gli studenti invocano il diritto alla giustizia e alla legalità contro ogni forma di mafia. E proprio in questo momento qualcuno ha voluto infierire perdipiù su giovani vite, speranza del domani. Auspico che si possa far luce sulla vicenda e manifesto la mia vicinanza e quella dell’intero Consiglio alle famiglie di questi giovani ”.

L’assessore Cirafici ancora:”E’ un momento di grande tristezza per la nazione per via della crisi, in piu’ questi atti mortificano le nostre speranze di cittadini. E’ necessario unire le nostre forze per lavorare ancora di piu’ nel nome della legalità e della giustizia”. (ufficio stampa comune Bagheria)

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.