f Bagheria: la 4° commissione consiliare ricorda la strage di Capaci | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria: la 4° commissione consiliare ricorda la strage di Capaci

mercoledì 16 maggio 2012, 15:49     

Letture: 808

Nel ventennale della strage di Capaci, i componenti della 4° commissione consiliare di Bagheria (Puleo Angelo (Presidente), Lo Cascio Maria Grazia (vice-Presidente), Amoroso Paolo, Arena Antonino, Chiello Antonio, D’Amato Michele, Maggiore Antonino, Prestigiacomo Antonio e Tornatore Emanuele) hanno diffuso un comunicato per ricordare la morte del giudice Falcone, la moglie e gli agenti di scorta.

“Sono passati vent’anni da quel 23 Maggio del 1992 -si legge nella nota-, quando una violenta carica di tritolo, nei pressi di Capaci, uccise Giovanni Falcone, la moglie, la scorta e forse le speranze di tutti i cittadini onesti. Una tragedia che ha segnato la storia del nostro Paese. Con la strage di Capaci, la mafia ha sfidato apertamente lo Stato in una guerra alla luce del sole, violenta, che ha seminato paura e distruzione.
Possiamo dire che oggi la mafia s’insinua con i propri uomini nella società perché, come diceva Falcone, Cosa Nostra è organizzazione parallela e contigua che riesce ad entrare nei centri vitali delle Istituzioni.
Al magistrato Falcone, che ha tanto lottato per un Mondo migliore, oggi sono state dedicate strade, scuole, piazze proprio per ricordare il suo coraggio, il suo impegno e la sua dedizione alla lotta alla mafia, ma la più grande eredità lasciataci dal magistrato consiste, soprattutto, nel profondo messaggio di coraggio e di speranza verso una realtà migliore: “Chi tace e chi piega la testa, muore ogni volta che lo fa. Chi parla e chi cammina a testa alta, muore una sola volta”.
Se Falcone con queste parole riuscirà ad arrivare al cuore anche di un solo uomo o di una sola donna o di un solo bambino, porterà avanti il suo spirito da combattente e il suo sacrificio non sarà stato vano.
“La mafia è un fenomeno umano e come tutti i fenomeni umani ha un principio, una sua evoluzione e, quindi, anche una fine.” Questo era il pensiero di Giovanni Falcone e la speranza di tutti gli italiani onesti.”

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.