f Gli studenti dell'Ipsia incontrano gli ipovedenti dell'associazione Afda | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Gli studenti dell’Ipsia incontrano gli ipovedenti dell’associazione Afda

lunedì 21 maggio 2012, 11:41   Eventi  

Letture: 2.350

Atteso incontro tra i ragazzi dell’istituto Ipsia di Bagheria e alcuni ipovedenti dell’associazione AFDA, guidata da Luigia Perricone, all’interno del progetto provinciale Tutti insieme incammino”.

Un folto gruppo di alunni, insieme ad alcuni docenti e alla professoressa Marcella Campo, hanno atteso  e ascoltato in un silenzio, colmo di emozione e attenzione, la storia e  le esperienze di vita  di un dinamico ipovedente, Giovanni Di Stefano. L’uomo,  cieco fin dalla nascita, ha vissuto per molti anni a Vigevano, riuscendo ad  assorbire  la cultura di un mondo ricco di iniziative e di vivacità sociale, che gli hanno permesso di vivere il suo status da uomo libero, non imprigionato dai fantasmi delle paure, dalle  inibizioni, dal facile vittimismo, di cui i siciliani siamo spesso avvezzi, ma scrollandosi da addosso la fatale rassegnazione,   è  riuscito  a trovare un  ottimo lavoro, a costruirsi una famiglia, ad avere dei splendidi figli, a crearsi una rete di amicizie e a  portare avanti degli hobby di tutto rispetto , come suonare in una sua piccola band. Le sue esperienze, la sua testimonianza  hanno così  dipanato un’ altra scheggia di chiusura mentale alla voglia di rinnovamento.

L’Afda, in continuità con la sua linea d’interventi,    continua a dimostrare come  la diversa abilità sia officina  e motore  di crescita culturale, con una ricaduta positiva per tutta  la collettività. A conclusione della visita, è stata offerta ai ragazzi dell’Ipsia, grazie ad un altro non comune  intervento di Lorenzo Rizzo,  uno scorcio di vita degli anni 60/70. Uno sguardo a come eravamo, attraverso una ricercata e accurata ricerca antropologica su alcune usanze e tradizioni tipiche bagheresi, che ha  acceso la curiosità e  il dibattito tra le fila dei ragazzi. L’Ipsia, ancora una volta, si è dimostrata una scuola particolarmente attiva perché  ogni scuola  che funzioni bene, deve saper  insegnare  a muoversi, a orientarsi, a  confrontarsi ed essere  in grado di  trasformare  la disabilità in abilità.

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.