f Si avvia alla chiusura il Tribunale di Bagheria. Ne scompariranno altri 13 | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Si avvia alla chiusura il Tribunale di Bagheria. Ne scompariranno altri 13

domenica 13 maggio 2012, 23:43   Attualità  

Letture: 1.666

Il Tribunale bagherese, infatti, è stato inserito in un elenco di tredici tribunali siciliani considerati “minori” che rischiano seriamente di scomparire. La decisione è del ministro della Giustizia, Paola Severino che ha avviato uno  spending rewiew (revisione della spesa ndr) con cui si intende dare una drastica sforbiciata ai costi  del sistema giudiziario.

Sembra quindi non avere avuto nessun esito positivo l’interessamento di alcuni avvocati bagheresi, fra cui l’avvocato e consigliere comunale Maria Grazia Lo Cascio che assieme al sindaco Lo Meo avevano cercato di coinvolgere parlamentari nazionali, per evitare la chiusura del distaccamento del Tribunale di via Consolare.

Nel piano del ministero dovrebbero essere soppressi 37 tribunali minori, 160 sezioni distaccate, 674 uffici dei giudici di pace per un risparmio previsto di 108 milioni di euro.

In Sicilia dovrebbero chiudere oltre al Tribunale di Bagheria, anche quelli di  Mistretta, Caltagirone, Avola, Modica, Sciacca, Marsala, Termini Imerese, Sant’Agata di Militello, Taormina, e Cefalù. Sarà invece ridimensionato quello di Nicosia.

“Spero che ne avremo dei vantaggi -ha sottolineato il Ministro Severino-. La riduzione e la distribuzione delle spese dovrà andare a vantaggio dei settori dove c’è maggiore necessità. La concentrazione porterà all’eliminazione di alcuni tribunali al di sotto del livello medio di efficienza”.

La Severinogià in passato aveva ripetuto che “non possiamo più permetterci di tenere aperti tremila uffici giudiziari” evidenziando che le sezioni distaccate “si sono rivelate produttrici di inconvenienti”.

Spetterà adesso al Consiglio superiore della magistratura e al Parlamento vagliare la riforma che prevede tribunali con un organico minimo di 28-30 magistrati, un bacino medio di 360 mila abitanti ciascuno, e un carico di lavoro abbastanza equilibrato.

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.