f Bagheria: Assegnati i premi della quinta edizione del premio Sollima | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria: Assegnati i premi della quinta edizione del premio Sollima

lunedì 11 giugno 2012, 09:37   Cultura  

Letture: 3.481

di Pino Grasso

Palazzo Villarosa ha fatto da splendida sede per la cerimonia di premiazione e del concerto finale del concorso internazionale riservato a giovani musicisti “Città di Bagheria – Premio Franco Mannino”, organizzato dall’associazione “Eliodoro Sollima”. La manifestazione, giunta alla 5° edizione ha ottenuto il patrocinio della Provincia regionale di Palermo e dall’assessorato al Turismo della Regione Sicilia e grazie ad una serie di sponsor privati che hanno creduto nell’iniziativa artistico culturale. “Lo scopo della manifestazione – spiega il direttore artistico Mimma Bartelletti – è la valorizzare di giovani talenti musicali e per promuovere culturalmente e turisticamente il territorio bagherese. Il concorso si è svolto con prove pubbliche in tre sezioni in base all’età dei giovani musicisti, provenienti da varie regioni d’Italia, il cui livello è stato davvero ottimo”.

I giovani concorrenti sono stati giudicati dalla giuria composta da Tatiana Pavlova, Domenico Piccichè ed Eliana Mangano. “Sono rimasto davvero meravigliato della bravura dimostrata da questi giovani – afferma il presidente della Provincia regionale di Palermo Giovanni Avanti – che rappresentano una risorsa e ambasciatori del nostro territorio. Da tempo abbiano voluto investire sui giovani artisti che si sono esibiti nel corso di “Provincia in festa” offrendo l’opportunità per farsi conoscere al grande pubblico”. Questi riconoscimenti assegnati nel corso della serata: Premio “Franco Mannino” sezione pianoforte solista a Francesco di Vitale per la categoria B e a Giovanni Norrito per la categoria D; Premio sezione pianoforte a 4 mani categoria A 2° premio a Aurelia Paternostro e Beatrice Chiofalo (il primo premio non è stato assegnato); sezione pianoforte solista sezione A: 1° premio a Daniele Rametta, 2° ad Aurelia Paternostro 3° a Beatrice Chiofalo e Maria Laura Coassin; sezione Pianoforte solista sezione B: 1° Francesca Ferraro, 2° Fabrizio Riso, 3° Francesco Di Vitale; sezione pianoforte solisti categoria D: 1° premio Salvatore Vaccarella, 2° Giovanni Norrito; sezione pianoforte solisti categoria E: 1° premio a Chiara Bonaventura. Sono state anche assegnate anche le seguenti borse di studio: “Elite Club” di 200 euro alla più giovane concorrente Maria Laura Coassin  9 anni, borsa “Quandhar” di 200 euro alla migliore esecuzione della sezione a 4 mani a Aurelia Paternostro e Beatrice Chiofalo, borsa dell’artista Arrigo Musti di 150 euro assegnata all’esecuzione che ha rivelato maggiormente l’interpretazione sintetica della composizione a Daniele Rametta, borsa “Prospettiva 2000” di 150 euro a Francesca Ferraro, borsa Concessionaria Opel di Cuzzupè di 200 euro a Fabrizio Riso, borsa “Zoo Agricola” di 200 euro assegnata ai concorrenti particolarmente meritevoli per livello tecnico e sensibilità interpretativa Giulia Giambertone e Maurizio Raimondo.

Il Comitato organizzatore del concorso era composto dal dott. Eustachio Cilea, dott. Franco Manca, dott. Pietro Di Vitale, dott.ssa Angela Stallone, dott. Caterina Morana, Simona Tarantino e dalla prof. Mimma Bartelletti, presidente dell’associazione e direttore artistico del concorso. Il comitato d’onore anche quest’anno si avvalso di illustri personalità del mondo politico e culturale. Tra questi il presidente della Provincia regionale di Palermo Giovanni Avanti, l’onorevole Gabriella Giammanco, 

il “Premio Oscar” Peppuccio Tornatore, il consigliere provinciale ing. Bartolo Di Salvo, il sindaco di Bagheria dott. Vincenzo Lo Meo, il dirigente scolastico del liceo classico Domenico Figà, il direttore dell’Accademica Pianistica “Incontri con il Maestro” di Imola Franco Scala, il critico musicale prof. Sara Patera e il fondatore della “Casa dei giovani” don Salvatore Lo Bue.


 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.