f Bagheria. I commercianti di corso Umberto chiedono aiuto alla politica e alla città | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria. I commercianti di corso Umberto chiedono aiuto alla politica e alla città

martedì 5 giugno 2012, 10:50   Attualità  

Letture: 1.125

In una nota indirizzata al sindaco Lo  Meo, ma estesa all’intera cittadinanza i commercianti chiedono aiuto per il futuro delle loro attività.
“Siamo convinti -si legge nella nota- e lo ripetiamo da tre anni, che per la piena valorizzazione del centro cittadino occorre la chiusura di Corso Umberto al transito veicolare con la contestuale realizzazione, però, dei servizi di supporto. Da più di 3 anni abbiamo chiesto invano ed ancora oggi attendiamo fiduciosi le misure promesse e cioè parcheggi, potenziamento dei mezzi pubblici, vigilanza notturna, programma di eventi, piano efficace della viabilità, ecc.”

Negozi abbandonati dai clienti. Nella nota i commercianti sottolineano che a causa di queste misure, molti clienti non frequentano più i negozi.  “Ci sentiamo ripetere continuamente frasi del tipo “Non vengo più perché perdo un’ora per trovare parcheggio” oppure “mi dispiace, non me la sento di perdermi tra le viuzze parallele di Corso Umberto” oppure “per arrivare e poi posteggiare si perde troppo tempo”.  La verità è che nei pomeriggi dei giorni feriali, così come tutto il giorno del sabato, della domenica e dei giorni festivi, vi sono tanti cittadini che non lavorano o sono più liberi e che pertanto sono disponibili a subire alcuni disagi (parcheggiare a diverse centinaia di metri, restare imbottigliati nel traffico, ecc) pur di godere di un paio d’ore di shopping o di passeggiata. Le mattine dei giorni feriali, invece, sono pochissimi i Bagheresi che si riversano in Corso Umberto, proprio perché la maggior parte degli stessi, essendo impegnata con il lavoro, ha poco tempo a disposizione per fare acquisti ed è costretta quindi a rinunciare di riversarsi nella “giungla” di Corso Umberto.Per non parlare delle notti, nelle quali il nostro Corso Umberto è diventato terra di conquista di vandali e di ladri.”

Cosa chiedono i commercianti. Al sindaco, al presidente del consiglio e ai consiglieri comunali, chiedono una mozione di “di compromesso” con la quale si chiede all’Amministrazione di adottare,  in via sperimentale, alla regolamentazione della viabilità di Corso Umberto aprendo il traffico veicolare in alcune fasce della giornata.
Da lunedì a venerdì:   dalle ore 8,00 alle ore 15,00: apertura di Corso Umberto al transito veicolare;
dalle ore 15,00 alle ore 21,00: chiusura di Corso Umberto al transito veicolare;
dalle ore 21,00 alle ore 8,00 del giorno seguente: apertura di Corso Umberto al transito veicolare;
sabato, domenica e nei giorni festivi: chiusura per l’intera giornata.
I commercianti chIedono anche di “adottare, il prima possibile, tutte quelle misure necessarie alla valorizzazione del centro storico cittadino (parcheggi, potenziamento dei mezzi pubblici ed istituzione di un servizio navetta, piano della viabilità, vigilanza notturna, programma di eventi ed iniziative, ecc.)”. I commercianti propongono il parcheggio per un periodo massimo di 30 minuti.

Un consiglio comunale sull’argomento.  I commercianti chiedono anche un consiglio comunale per discutere l’argomento. Una parte della nota è anche indirizzata ai giornalisti ai quali
chiedono di sostenerli e di dare la massima diffusione dell’argomento e di evitare forme semplicistiche di comunicazione della notizia. Infine ai partiti e ai movimenti, ai parroci e alla società civile, chiedono “non abbandonarci in questa nostra richiesta di aiuto.”

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.