f Bagheria. I costi della politica. Per il 2012 si spenderanno 709.964,40 euro | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria. I costi della politica.
Per il 2012 si spenderanno 709.964,40 euro

lunedì 27 agosto 2012, 09:30   Attualità  

Letture: 1.140

di Pino Grasso

Mentre il Comune rischia il dissesto finanziario, l’amministrazione comunale è costretta a rimborsare  migliaia di euro alle ditte private da cui dipendono alcuni consiglieri comunali a causa delle assenze dal servizio causate dall’espletamento del mandato elettorali. Rimborso che va detto, sono previsti dalla legge. Ammonta a 56.420,85 euro la somma rimborsata alle aziende per il primo trimestre dell’anno che nel corso dell’anno 2012 lieviterà a 225.683,40 euro. Il rimborso degli oneri retributivi ai datori di lavoro è stato liquidato con una determina dello scorso 18 luglio e pubblicata all’albo pretorio con immediata esecutività lunedì scorso, 20 agosto.

Le ditte, presso cui lavorano i consiglieri comunali che hanno presentato la richiesta di rimborso sono 11.
In cima alla classifica dei compensi liquidati dal dirigente del II Settore Bilancio e Finanze, quattro consiglieri: Pietro Pagano (Partito Democratico), Domenico Di Stefano (Bagheria Popolare), Angelo Puleo (Gruppo civicamente) e Giacinto Di Stefano (Pid) i cui datori di lavoro hanno ottenuto un rimborso di 6.140,94 di euro ciascuno, mentre il rimborso per Antonino La Corte (Pdl), si ferma a 6.110,22 euro.

In base alla normativa si tratta del massimo rimborsabile, in nessun caso l’ammontare complessivo mensile spettante ai datori di lavoro degli Amministratori e consiglieri comunali può infatti superare l’importo pari a due terzi dell’indennità massima prevista per il sindaco, ammontante a 2.046,98 euro, rispetto al compenso previsto di 3.070.47 euro e che pertanto l’importo da liquidare come limite massimo mensile fino al 31 marzo 2012 è stato stabilito in 2.046,98 euro. In coda alla graduatoria dei rimborsi Pietro Di Quarto (Gruppo civicamente) con 2.192,30 euro. I rimborsi sono stati erogati dal corrente Bilancio in corso di elaborazione a prescindere dal vincolo dei dodicesimi.

Ma quanto costano amministratori e consiglieri alle tasche dei cittadini? A questa somma infatti, occorre aggiungere le indennità dei gettoni previsti per le sedute del Consiglio che in base alla previsione di Bilancio ammonta a 301.925 euro, oltre a 33.000 euro spettanti al presidente del Consiglio Caterina Vigilia (Udc) e ai 149.356 euro per sindaco e giunta. Facile elaborare il calcolo matematico per le somme che le casse comunali dovranno sborsare per l’intero anno e cioè 709.964,40 euro che moltiplicato per i cinque anni del mandato lievitano a 3.549.822.000 euro.

C’è da ricordare che lo scorso anno il sindaco Vincenzo Lo Meo e gli assessori si erano ridotta l’indennità di carica. La riduzione disposta che ammonta al 30 per cento, decorre dal 1° gennaio di quest’anno ed è prevista sia per gli amministratori, sia per i consiglieri comunali dal taglio dei trasferimenti dello Stato per quanto concerne le indennità.

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.