f Cefalù. Arrestati dai carabinieri 5 palermitani sorpresi a rubare (foto) | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Cefalù. Arrestati dai carabinieri 5 palermitani sorpresi a rubare (foto)

sabato 25 agosto 2012, 14:34   Cronaca, PhotoGallery  

Letture: 2.422

I carabinieri della Compagnia di Cefalù hanno tratto in arresto cinque persone, in flagranza di reato, ritenuti responsabili di furto ai danni di un supermercato a Cefalù.
Nel corso di un servizio di controllo del territorio mirato alla prevenzione e repressione del fenomeno dei furti e dei reati in generale, quali furti in spiaggia, ai danni di esercizi commerciali, ai danni di abitazioni e rapine, nei pressi del lungomare cefaludese e del centro abitato, i militari hanno notato un gruppo di cinque ragazzi, che si aggiravano per le vie della cittadina normanna.I ragazzi avevano al seguito delle buste ricolme di merce varia e provenire da una zona dove sono presenti diversi esercizi commerciali. Per questo motivo, i carabinieri, sia in divisa che in borghese, insospettiti, hanno proceduto al controllo dei soggetti, che, nel frattempo si erano portati nei pressi della stazione ferroviaria. Nella circostanza, è stato scoperto che nei sacchetti erano presenti articoli vari quali bottiglie di liquori, prodotti per l’igiene personale, deodoranti, lamette, profumi ed altro, per un valore di circa 1000 euro. A questo punto, sono scattate subito le relative verifiche per accertare la provenienza della merce, la quale, si è constatato in seguito, era stata poco prima asportata da un supermarket.

Tutta la merce trafugata è stata restituita alla direzione dell’esercizio commerciale “Super Store” di via Vazzana.
Una volta espletate le formalità di rito, dunque, i cinque sono stati dichiarati in stato di arresto in flagranza di reato per furto in concorso. Gli arrestati, tutti di Palermo, sono Vincenzo Lo Iacono De Carlo, 30 anni,  disoccupato; Cristian Rizzuto, 23 anni, disoccupato; Vincenzo Vullo, 20 anni,  Vincenzo Minnelli,  27 anni,  manovale e Giuseppe Scalici, 20 anni, disoccupato.

Nel corso dell’udienza per direttissima gli arresti sono stati convalidati e al Lo Iacono De Carlo è stata applicata la misura dell’obbligo di presentazione alla p.g., al Rizzuto la custodia cautelare in carcere, Vullo Minnelli e Scalici invece sono stati condannati a mesi otto ed euro duecento di multa, pena sospesa, e rimessi in libertà.

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.