f Le forze dell'ordine contro i falò di Ferragosto, per evitare incendi | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Le forze dell’ordine contro i falò di Ferragosto, per evitare incendi

lunedì 13 agosto 2012, 09:04   Attualità  

Letture: 906

Il tradizionale ponte di ferragosto quest’anno vedrà impegnate in stretta sinergia le Forze dell’Ordine. In  particolare le Forze di Polizia e la Guardia Costiera realizzeranno una attività repressiva e preventiva per le condotte illecite che pongono in pericolo la sicurezza della navigazione in mare e la fruizione delle spiagge: installazione di tende e attrezzi da campeggio, parcheggi abusivi e accensione di fuochi.
Particolare attenzione verrà data al controllo del falò che  rischiano di diventare una vera emergenza complice la calura estiva ed il clima particolarmente torrido.

E’ consuetudine  del litorale palermitano aspettare il ferragosto con l’accensione di falò in spiaggia. Questo rituale è vietato dal codice della navigazione (prevista una sanzione   amministrativa del pagamento di una somma da euro 1.032.00 a euro 6.197.00) e dall’ordinanza sulla sicurezza balneare emanata dal circomare di Palermo

Nonostante i divieti, molti non si sottraggono a recarsi in spiaggia per accendere fuochi intorno ai quali, cantare e ballare.

Come ogni anno, però, la tradizione popolare rischia di trascendere e da squisito momento di aggregazione può diventare pericolosa per l’accensione di fuochi poi ingovernabili.

Pertanto fin dal pomeriggio di giorno 14 agosto verranno effettuati specifici servizi di controllo con il contributo di mezzi navali e degli elicotteri che da mare e da terra raccorderanno gli interventi in casi di emergenza. (fonte ufficio stampa carabinieri)

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.