f Sui costi della politica a Bagheria… | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Sui costi della politica a Bagheria…

giovedì 30 agosto 2012, 12:44   Politica  

Letture: 974

di Giovanni Amari*

In questi ultimi giorni d’agosto, infuocati non solo dalla calura estiva, ha suscitato notevole scalpore un tema delicato quale quello relativo “ai costi della politica”.
In particolar modo l’argomento relativo ai rimborsi ai datori di lavoro di aziende presso le quali lavorano alcuni consiglieri comunali tra cui il sottoscritto.
Ritengo opportuno fare alcune premesse prima di addentrarmi nel tema in questione:
1. il mio risulta essere un chiarimento a titolo strettamente personale, dovuto soprattutto al rispetto nei confronti di quegli elettori che durante l’ultima tornata elettorale, mi hanno conferito mandato di rappresentarli.
2. ho aspettato qualche giorno, non per inerzia,  ma perche’ ritenevo opportuno che la prima doverosa replica spettasse alla Presidenza del Consiglio Comunale (cosi come avvenuto).
3. ho grande rispetto per il giornalismo d’inchiesta, soprattutto in un periodo cosi difficle e particolare come quello che stiamo vivendo.
4. ritengo giusto ed opportuno che i cittadini conoscano bene la situazione finanziaria dell’ente e i costi della politica, che facciano le loro doverose valutazioni, nel massimo del rispetto e dell’educazione (cosa che a volte da parte di alcuni noti commentatori di network non avviene).
Tutto cio’ premesso non posso esimermi dal mostrare il mio disappunto nei confronti di chi enfatizza tale situazione cavalcando l’onda attuale dell’antipolitica, per dipingere il consigliere comunale come una sorta di macchina mangiasoldi (e mi riferisco all’art.pubblicato nel GDS di lunedi 25/08/2012 : che testualmente diceva: 9 consiglieri comunali si dividono circa 250.000 EURO).
Ebbene ritengo che il giornalismo d’inchiesta perda gran parte della sua indiscutibile valenza quando non riesce a offrire informazione corretta e precisa.
Mi sembra inutile sottolineare che tali somme non siano state divise tra i consiglieri comunali ma siano state erogate ai datori di lavoro.
Non entrando nel merito di tali rapporti di lavoro, per rispetto anche nei confronti della Guardia di Finanza, che a quanto pare sta effettuando delle indagini, sento il dovere di rendere noto per rispetto dei cittadini la mia personale situazione lavorativa anche per la trasparenza ed il rispetto delle regole che da sempre costituiscono il mio “modus vivendi”.
Il sottoscritto lavora presso l’azienda di famiglia, con un inquadramento previsto dal C.C.N.L. e questo penso non possa essere considerato ne un reato ne altro. tale azienda viene portata avanti con enormi sacrifici, e nel pieno rispetto delle regole. Essendo stato eletto non ho fatto alcun bingo , ho soltanto deciso di cercare di offrire il mio piccolo contributo per il bene della collettività (se ci sto riuscendo o no sarà poi giudicato dagli elettori).
Ho sempre partecipato alle commissioni ed ai consigli comunali con grande senso di responsabilità, togliendo spazio e tempo alla mia vita professionale e alla mia famiglia, in virtu’ di una scelta personale a cui credo in maniera ferma e decisa.
La commissione di cui faccio parte (1°) ha sempre lavorato e prodotto atti importanti per la città cosi come sono convinto senza paura d’essere smentito che cio’ avvenga anche per le altre commissioni, ed a tal proposito ringrazio anche gli altri 8 componenti per il lavoro finora svolto.
Dal 1/04/2012 sono capogruppo della lista dell’ ALTRA BAGHERIA, lista che si è sempre contraddistinta all’interno dell’aula per scelte coerenti e compattezza,  che spesso devo dire sono mancate in altri ben piu’ noti gruppi partitici.
Ho partecipato alla conferenza di capigruppo, dove a volte ci sono stati toni accesi , dispute anche forti come è nel gioco delle parti in politica, ma non ho mai visto ne’ notato griglie o barbecue accesi che la potessero far assomigliare ad una sorta di scampagnata del lunedi.
Tutto cio’ era a mio modesto parere doveroso ed opportuno, ma non solo per un fatto di coscienza personale, ma solo nell’ottica di un rispetto profondo verso la comunita’ che rappresento, e ritengo scelta importante quella di far abbassare i costi della politica in un momento di crisi economica davvero unico.
Ma i tagli non devono fermarsi ai soli organi politici ma anche a tutte quelle voci riguardanti altre figure che sono meno pubblicizzate ma che operano anch’esse all’interno dell’ente comunale.

* consigliere comunale Bagheria gruppo “L’Altra Bagheria”

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.