f "Bagheria bene comune": "è inconcepibile che i genitori paghino cifre alte per i libri" | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

“Bagheria bene comune”: “è inconcepibile che i genitori paghino cifre alte per i libri”

lunedì 3 settembre 2012, 19:25   Attualità  

Letture: 1.150

Il movimento “Bagheria bene comune” segnala che quest’anno, la mancata distribuzione dei buoni libro da parte del comune di Bagheria.  “Ce lo hanno segnalato diverse mamme che ci hanno confidato le numerose difficoltà che incontrano nell’affrontare l’acquisto dei libri scolastici – si legge in un comunicato- E’ lo stesso Comune, infatti, a confermarci la mancata erogazione dei cedolini alle famiglie degli studenti bagheresi per l’anno scolastico che si appresta ad iniziare, per via delle casse ormai da tempo all’asciutto. Per questo motivo, i librai della nostra città non sono più oggettivamente in grado di anticipare le somme necessarie per l’acquisto dei testi scolastici e i genitori degli alunni dovranno pagare l’intera somma per poter avere i libri. A farne le spese saranno ovviamente gli studenti che si vedranno, di fatto, negati un diritto come quello allo studio, sancito dalla Costituzione Italiana nell’articolo 33 e nell’articolo 34. Una situazione davanti alla quale non possiamo restare indifferenti.”

Il presidente del movimento Salvatore Ducato sottolinea che “è inconcepibile che i genitori paghino cifre così alte per i libri e di certo la mancata distribuzione dei buoni libri non migliora la situazione, anzi. Per questo, come movimento, inviteremo tutti i dirigenti scolastici dei nostri istituti ad un incontro al fine di proporre delle soluzioni che riescano a risolvere questo problema. Riteniamo sia fondamentale che gli istituti e i docenti si adoperino nel mantenere gli stessi testi, evitando la scelta di libri sempre differenti (che di fatto cambiano quasi nulla), andando ad aggravare le spese delle famiglie. Per risolvere questa situazione è necessario che ognuno faccia la propria parte. Dallo Stato, alla Regione, alla Provincia e ai singoli Comuni. Noi ci siamo».

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.