f Bagheria. Il comune riscuoterà direttamente la Tarsu | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria. Il comune riscuoterà direttamente la Tarsu

venerdì 14 settembre 2012, 07:53   Attualità  

Letture: 1.879

L’Amministrazione comunale, riscuoterà direttamente la tassa sui rifiuti solidi urbani. Lo ha deliberato la Giunta municipale allo scopo di migliorare il servizio riguardante le modalità di pagamento delle imposte e tasse comunali e considerato che la convenzione con Serit Sicilia per la riscossione della Tarsu scadrà il prossimo 31 dicembre.

“Il Comune a tal fine procederà alla formazione di elenchi nominativi dei contribuenti – spiega l’assessore al Bilancio e Finanze Giusi Maggiore – sulla base delle iscrizioni dell’anno precedente, delle denunce presentate e degli accertamenti notificati a cui inviare l’avviso di accertamento. Sarà importante continuare a perseguire una politica che ci permetta di scovare gli evasori, un’impresa ardua che contiamo di vincere grazie alla convenzione con l’Agenzia entrate. Certamente terremo conto delle reali difficoltà di chi a causa della crisi non ha pagato, oppure lo ha fatto in ritardo”.

Nel contempo l’amministrazione comunale ha anche approvato un regolamento che disciplina le modalità per la riscossione diretta della tassa, la cui riscossione spontanea è prevista per velocizzare le fasi di acquisizione delle somme riscosse, assicurando la più ampia diffusione dei canali di pagamento e la sollecita trasmissione al Comune dei dati del pagamento. Relativamente all’anno di entrata in vigore del regolamento, gli elenchi nominativi sono formati, per le reiscrizioni dell’anno precedente, sulla base dell’ultimo ruolo ordinario emesso.

Il Comune avviserà i cittadini del deposito degli avvisi presso gli uffici comunali, ricordando ai contribuenti l’obbligo del pagamento alle rispettive scadenze che saranno per la prima emissione in unica rata entro il 31 luglio, oppure in quattro rate entro il 31 maggio, il 31 luglio, il 30 settembre e il 30 novembre. Il pagamento delle somme iscritte nell’elenco può essere effettuato tramite l’esattoria comunale, tramite le agenzie postali e il sistema bancario. Nei casi di mancato pagamento, l’Ufficio, entro il 31 dicembre del terzo anno successivo a quello in cui l’accertamento provvederà alla riscossione coattiva con addebito delle spese per l’espletamento dell’attività di recupero credito a totale carico del debitore. Il regolamento entrerà in vigore a partire dal prossimo 1° gennaio.
                                                                                                                                                                                                                                                      Pino Grasso

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.