f Bagheria. L'assessore all'Urbanistica: "entro l'anno il Prg sarà adottato"‏ | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria. L’assessore all’Urbanistica: “entro l’anno il Prg sarà adottato”‏

martedì 11 settembre 2012, 09:35   Politica  

Letture: 1.765

di Pino Grasso

“Entro l’anno il Piano regolatore generale sarà adottato e ripartiranno tutte le attività economiche in città”. E’ quanto dichiarato dall’assessore all’Urbanistica Piero Tornatore che nei giorni scorsi si è recato al Genio civile di Palermo. Ha sollecitato  il visto che l’organismo di controllo dovrà esitare per dare il via libera allo strumento urbanistico tanto atteso dai cittadini e dagli imprenditori.

“Abbiamo presentato il progetto lo sorso 3 luglio – aggiunge l’assessore Tornatore – purtroppo siamo andati incontro al mese di agosto e pertanto c’è stato un fisiologico ritardo. Ritengo pertanto che entro il mese di settembre dovremmo ottenere il nulla osta ai sensi dell’articolo 13 della legge urbanistica che reca norme sui contenuti dei piani particolareggiati”. Non appena giungerà a palazzo Ugdulena il parere favorevole del Genio civile, gli uffici saranno attivati per procedere alla ricognizione delle aree soggette ad esproprio per un sopralluogo tecnico che quindi saranno sottoposte al vaglio del Consiglio comunale. E’ probabile, come accaduto in altre circostanze analoghe negli anni passati che scatterà l’incompatibilità dei consiglieri e pertanto dovrebbe essere un commissario straordinario nominato dalla Regione ad adottare il Piano regolatore.

Dopo l’annullamento in sede giurisdizionale del Piano Regolatore Generale dopo che questo aveva esplicato i propri effetti per oltre 12 anni, , entro l’anno si ritornerà ad avere un piano regolatore regolarmente adottato. “Quello che è accaduto è paradossale – dichiara il sindaco Vincenzo Lo Meo – che non ha precedenti in Italia, circostanza unica e forse irripetibile che ha di fatto bloccato l’attività’ edilizia in città. Non solo perché sono venute meno le entrate degli oneri delle concessioni edilizie, determinando incertezza nell’avvio di alcune attività artigianali nel centro storico e contribuito al blocco della infrastrutturazione del piano per gli insediamenti produttivi di contrada Monaco e determinando incertezza nella programmazione e gestione delle opere pubbliche”.

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.