f Coinres oggi sciopero e "sit in" lavoratori davanti la sede del Dipartimento Regionale | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Coinres oggi sciopero e “sit in” lavoratori davanti la sede del Dipartimento Regionale

venerdì 28 settembre 2012, 08:58   Attualità  

Letture: 794

“Il commissario liquidatore unico del Coinres, continua a rifiutare il confronto con i sindacati e ad ignorare le legittime richieste dei lavoratori, chiederemo un incontro al Dipartimento regionale Rifiuti per avere risposte sulle retribuzioni attese dai lavoratori”. Cosi Francesco Ferrara Fit Cisl Palermo, Nino Celano Uiltrasporti, e Valerio Lombardo Fp Cgil, annunciano il sit-in di protesta dei lavoratori del Coinres che si terrà oggi davanti la sede del Dipartimento regionale Rifiuti di via Catania, 2 aPalermo oggi  in concomitanza con lo sciopero già indetto dai sindacati. “Mancano all’appello la retribuzione di agosto, la quattordicesima e non abbiamo alcuna certezza per quella di settembre, i lavoratori sono esasperati. Riteniamo che l’operato del commissario Silvia Coscienza non sia soddisfacente, infatti abbiamo già chiesto le sue dimissioni. Da quando è stata chiamata a gestire il Consorzio nulla è cambiato, i lavoratori continuano ad essere discriminati e a non percepire le retribuzioni”. I sindacati aggiungono “abbiamo avanzato una formale richiesta di accesso agli atti per prendere visione del contratto di lavoro che il commissario ha stipulato con il nuovo direttore generale del Coinres, Roberto Celico, siamo sicuri che il commissario non avrà alcuna difficoltà a renderlo pubblico. Registriamo da più parti – concludono Ferrara, Celano e Lombardo – insistenti indiscrezioni che sembrano confermare i costi spropositati a carico del Coinres per la nomina del nuovo direttore generale, ma in questa vicenda ci risulta incomprensibile il silenzio assordante dei comuni soci. Auspichiamo che in questo modo si possa fare chiarezza una volta per tutte, questo clima di veleni non fa certo bene ai lavoratori”.

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.