f Palermo. Sorpresi a saccheggiare un distributore di benzina | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Palermo. Sorpresi a saccheggiare un distributore di benzina

domenica 2 settembre 2012, 10:41   Cronaca  

Letture: 1.567

I carabinieri del Nucleo Radiomobile ha sorpreso in Viale Regione Siciliana all’altezza della Rotonda Oreto, intorno alle 20,00 di ieri sera, all’interno del piazzale del distributore Agip, un’autovettura ferma a pochi metri dalle colonnine di benzina.

Risultando il distributore e l’intera area sottoposti a sequestro penale, i militari si sono insospettiti decidendo di controllare il mezzo. Raggiunta l’autovettura, un’Opel Corsa, gli operanti hanno sentito dei rumori provenire dal retro del distributore. Avvicinatisi  hanno visto due persone, una delle quali con una tenaglia in mano, impegnate a tranciare dei cavi telefonici ed il cavo portante in acciaio della Telecom.

I due accortisi dei Carabinieri, hanno tentato di allontanarsi ma senza riuscirci e sono stati bloccati ed identificati. Si tratta di Luciano Conigliaro,  28 anni, pregiudicato palermitano residente in via Erice e Giuseppe Claudio Guerrera, 18 anni, palermitano residente a Misilmeri in Contrada Masseria D’Amari.

Dopo aver recuperato la tenaglia utilizzata per tranciare i cavi, è stata perquisita l’autovettura, rinvenendo vario materiale tra cui scaffali in metallo, alcune soglie in marmo ed una borsa contenente diversi attrezzi da scasso tra cui: pinze, cacciaviti, tronchesi e un palanchino in ferro.

A poca distanza dall’autovettura sono stati rinvenuti, poggiati a terra e già pronte per essere portati via: sei pistole erogatrici di carburante ed alcuni cavi elettrici asportati dalle colonnine.

Accompagnati in caserma hanno ammesso le loro responsabilità, confessando inoltre di aver trafugato i cinque 5 pianali in metallo e quanto rinvenuto dentro l’autovettura, venendo dichiarati in arresto per furto aggravato in concorso. Su disposizione dell’Autorità Giudiziaria sono stati tradotti all’Ucciardone.

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.