f Bagheria. Condannati dal Tribunale di Palermo Restivo e Fontana | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria. Condannati dal Tribunale di Palermo Restivo e Fontana

venerdì 5 ottobre 2012, 10:27   Cronaca  

Letture: 3.036

Sono stati condannati dalla seconda sezione penale del Tribunale di Palermo, con il rito per direttissima, i due autori della rapina messa a segno, la settimana scorsa, ai danni di un anziano in via Città di Palermo. Filippo Restivo, 40 anni, è stato condannato a 4 anni di reclusione,  mentre Giuseppe Fontana, 37 anni, dovrà scontare 4 anni e 2 mesi di carcere.


I due, la notte fra martedì e mercoledì della settimana scorsa, secondo l’accusa, hanno  malmenato e legato un anziano alla presenza della moglie disabile, e gli avrebbero rubato 1.500 euro in contanti.

I due sono stati arrestati dalla polizia  a seguito di una chiamata telefonica giunta alla centrale della polizia.
Gli agenti hanno fatto irruzione e hanno  sorpreso  Restivo e Fontana   con la refurtiva in tasca costituita dalla somma di denaro di 1500.00 euro, di proprietà di S.M. di anni 70.

Secondo l’accusa  i due, dopo avere danneggiato il portoncino d’ingresso, hanno raggiunto l’appartamento dell’anziana vittima e, dopo averlo malmenato, lo hanno costretto a consegnargli la somma di denaro in contanti. All’azione delittuosa era presente la moglie della vittima, anziana  disabile costretta a stare sulla sedia a rotelle, ancora  sotto choc.

Successivamente il Signor S.M. è stato anche legato ed imbavagliato con una corda e del nastro adesivo.

La coppia di anziani è stata  soccorsa dai sanitari del 118 per le lesioni riportate e per lo choc subito.

Ieri è arrivata la condannata per i due autori.

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.