f Bagheria. Rischia di chiudere la casa Amaltea che ospita una decina di minori in via Buttitta | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria. Rischia di chiudere la casa Amaltea che ospita una decina di minori in via Buttitta

giovedì 4 ottobre 2012, 10:31   Attualità  

Letture: 2.863

di Pino Grasso

La crisi economica in cui versa l’amministrazione comunale si ripercuote anche sui servizi sociali essenziali come quello che svolge la “Casa Amaltea” a Bagheria che rischia di chiudere i battenti.

Gli operatori che svolgono la loro attività a vantaggio di bambini provenienti da famiglie disagiate e multiproblematiche, da oltre 17 mesi non percepiscono gli stipendi e non sanno più a che santo votarsi. Un appello all’amministrazione comunale viene lanciato da padre Salvatore Lo Bue, direttore della “Casa dei giovani” che gestisce la struttura e condivide con gli operatori la grave situazione in cui si trovano. “Se l’amministrazione comunale non trova una soluzione – dichiara – sarà costretto a rivolgermi al Prefetto e al Presidente del Tribunale dei minori a cui chiederò di affidare ad altre strutture il servizio”. In tutti questi mesi i nostri operatori hanno esaurito il giro dei parenti, delle banche e delle società finanziarie a cui rivolgersi e vivono una situazione davvero drammatica al limite della sopravvivenza.

“E’ soltanto grazie al loro senso del dovere che continuano a garantire assistenza ai minori – aggiunge – ma qualsiasi altro lavoratore, nelle stesse condizioni avrebbe organizzato uno sciopero ed incrociato le braccia da mesi. Il paradosso sta proprio in questo che i lavoratori, nel caso si astenessero dalla loro attività verrebbero denunciati per abbandono di minori”.

La casa famiglia “Amaltea” ospita una decina di minori di età compresa tra i 6 e i 12 anni assegnati su decreto del Tribunale di Palermo che vengono assistiti curati ed assistiti giorno e notte per un periodo anche superiore ad un anno, successivamente vengono affidati a famiglie che ne fanno richiesta e che possiedono i requisiti di legge.
La struttura è ospitata in una palazzina di via Filippo Buttitta composta da due piani e un vasto terrazzo in un bene confiscato alla mafia assegnato al Comune, dove fino a qualche anno fa c’era una avviata pizzeria è stato ristrutturato anche grazie ai fondi messi a disposizione dal Rotary club cittadino. “Come affermato in questi giorni dal presidente della Cei, il cardinale Angelo Bagnasco – conclude padre Lo Bue –   porteremo la nostra indignazione nei confronti degli amministratori che non si rendono conto come questi fondi sono sottratti ai servizi sociali e ai poveri”.

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.