f E' morto Marco Sailla, il ballerino di Misilmeri che aveva cercato di sucidarsi | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

E’ morto Marco Sailla, il ballerino di Misilmeri che aveva cercato di sucidarsi

venerdì 5 ottobre 2012, 18:30   Attualità  

Letture: 6.037

E’ morto Marco Saitta, il giovane ballerino che  per un banale litigio con la  fidanzata la scorsa settimana aveva cercato di suicidarsi, strangolandosi con il cinturino dei pantaloni nella propria abitazione a Misilmeri. 
A soccorrerlo era stato il padre. Poi sono intervenuti i medici rianimatori del Civico che hanno tentato il miracolo.
La camera ardente è stata allestita nella scuola da ballo. Tutto il paese si è stretto attorno alla famiglia Saitta. Una fine terribile per i genitori e l’intero paese che vedevano nel giovane un promettente ballerino che si era già esibito in ogni parte del mondo. Insieme a gruppo di Misilmeri, molto noto non solo in Italia, il giovane si è esibito anche a Pechino e ha preso parte a diverse gare in giro per l’Europa.
I compagni di ballo e tutto il paese alle porte di Palermo sono sotto choc. Su Facebook tanti i commenti di amici e parenti straziati.
Per tanti quel gesto è davvero inspiegabile e resterà un mistero in un ragazzo che amava tanto la vita e il ballo. Un giovane che come raccontano gli amici metteva tanto amore e sensibilità in tutto quello che faceva.
Nei blog locali tante le testimonianze d’affetto. “Ora Marco volteggia in Cielo. Leggiadro. Per tanti giovani, Marco, sii protezione”.  ”Non scriveremo più e non pubblicheremo più le belle foto delle tue affermazioni in Italia e nel mondo. Ma una cosa porteremo impressa nel cuore: il tuo volto pulito e luminoso. Bello come il sole”. (blogsicilia.it)

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.