f Palermo. Rapinano una farmacia, arrestati quattro giovani, uno minorenni | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Palermo. Rapinano una farmacia, arrestati quattro giovani, uno minorenni

mercoledì 31 ottobre 2012, 13:43   Cronaca  

Letture: 1.300

I Carabinieri del Comando Provinciale di Palermo hanno arrestato  quattro giovani palermitani, autori della rapina ai danni di una  Farmacia “Liggio” di via Leonardo da Vinci.

 

Si tratta di giovani, tra i 17 e i 28 anni, tutti con precedenti penali (escluso il minorenne), con armi in pugno e passamontagna, hanno dato prova di essere perfettamente sincronizzati ed organizzati nell’esecuzione di una rapina che, quanto alle modalità, richiama alla memoria un “modus operandi” tipico di chi è avvezzo a questo genere di misfatti.

 

Il sistema di video-sorveglianza della farmacia, nel riprendere quei pochi secondi concitati, in cui tre incappucciati sotto la minaccia di  pistola e coltelli hanno immobilizzato tutti i presenti, ha fornito dei dettagli di assoluta eloquenza investigativa.

 

Modello e colore dell’auto oltre ad un quarto complice alla guida, visibili dal sistema di video-sorveglianza  esterna, hanno fatto il resto consentendo, così, ai militari della Compagnia  Piazza Verdi di intercettare i malviventi per trarli in arresto.

 

Le successive perquisizioni consentivano di recuperare il bottino – di poche centinaio di euro – oltre alle armi ed ai passamontagna utilizzati dal commando.

 

Assicurati i quattro alla giustizia, il lavoro degli investigatori continua al fine di stabilire se analoghi fatti delittuosi siano da ricondurre a Carmelo Raneli, 28 anni, Vincenzo Mineo, 25 anni, Francesco D’Oca, 20 anni, e S. D., 17. I tre maggiorenni, sottoposti a rito della direttissima, dopo la convalida degli arresti, per Raneli, si sono aperte le porte del carcere “Ucciardone, per D’Oca eMineo è stata applicata la misura cautelare degli arresti domiciliari, mentre il minorenne S.D., è stato associato presso il centro di prima accoglienza “Malaspina” di Palermo.

 

 


 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.