f Piero Grasso: la mafia dopo Falcone e Borsellino aveva pensato anche a me | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Piero Grasso: la mafia dopo Falcone e Borsellino aveva pensato anche a me

sabato 24 novembre 2012, 10:26   Cronaca  

Letture: 1.123

Per la presentazione del suo ultimo libro “Liberi tutti” a palazzo Branciforti a Palermo, il Procuratore nazionale antimafia Piero Grasso, ha detto che la mafia aveva deciso di ucciderlo.

“Dopo Falcone e Borsellino toccava a me per mettere ancora sotto pressione lo Stato e spingerlo a trattare, perché subito dopo le stragi occorreva dare un altro ‘colpettino’. In questo senso sono stato ‘oggetto’ della trattativa. Fortunatamente ciò non avvenne”. Il progetto  per ucciderlo era stato pensato dalle cosche e assimilando la strategia della mafia a “una finalità stragista tanto simile, in un particolare periodo, al terrorismo”.
“La strategia della tensione si spostò fuori dalla Sicilia, – ha continuato – pensando ad altri obiettivi comela Torre di Pisa o le spiagge dell’Adriatico fino ad arrivare agli Uffizi a Firenze, Roma e Milano”.

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.