f Bagheria. Restaurata la pala d'altare del 1700 della chiesa Madre | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria. Restaurata la pala d’altare
del 1700 della chiesa Madre

sabato 29 dicembre 2012, 12:20   Attualità  

Letture: 1.916

di Martino Grasso

E’ stata esposta ieri la pala d’altare del 1700 alla chiesa Madre, dopo il lungo restauro, durato circa 5 mesi.
Ad eseguire i lavori, un’equipe di docenti e tecnici universitari composta da Antonino Traina,  docente presso l’accademia di Belle Arti di Palermo, Sophie Sonetti, docente del corso di restauro e conservazione dell’università di Palermo, e dai restauratori Anna Badagliacca e Teresa Giambatino.
La tela raffigura San Giuseppe, Sant’Antonio da Padova, San Francesco e il bambin Gesù.
Alla manifestazione di ieri sono intervenuti  anche l’architetto Rosario Scaduto, dell’Università di Palermo e il dottor Gaetano Bongiovanni, della Soprintendenza di Palermo.

I lavori di restauro sono costati circa 15 mila euro, spese affrontate dalla confraternita di San Giuseppe.

“Questa iniziativa -sottolinea padre Giovanni La Mendola, parroco della chiesa Madre- mirano a ricordare il passato ma spronano i giovani a rispettare la propria terra, coltivando il senso di appartenenza nella salvaguardia di questi valori che sono alla base del vivere civile e democratico. Il lavoro di restauro è stato accurato e meticoloso, grazie ad uno studio di esperti e docenti universitari. Un plauso va alla confraternita di san Giuseppe per la realizzazione dell’opera”.

Va anche ricordato che una parte dei fondi necessari per il restauro sono stati reperiti grazie alla prima festa del gusto organizzata lo scorso 4 novembre dalla focacceria di Mimmo Buttitta.

 

 

nella 1° foto la pala d’altare restaurata (foto di Battista Scaduto)
nella seconda foto: il gruppo dei restauratori

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.