f Bagheria. Scuola "Carducci". Chiara Scianna eletta sindaco dei giovani | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria. Scuola “Carducci”. Chiara Scianna eletta sindaco dei giovani

martedì 18 dicembre 2012, 15:43   Attualità  

Letture: 1.745

Chiara Scianna della 3° E della scuola Carducci, è il sindaco dei giovani.
I rappresentanti della scuola, che stanno svolgendo il progetto “cittadinanza attiva europea”, sono stati ricevuti dal sindaco Vincenzo Lo Meo.
Gli studenti, accompagnati dall’ insegnante Teresa Maggiore e dal dirigente scolastico Giuseppa Attinasi, hanno  svolto una lezione nell’ambito della quale hanno simulato l’elezione del sindaco e dei componenti della giunta comunale.  Nella simulazione è stata eletta sindaco Chiara Scianna della classe terza E.

La professoressa Teresa Maggiore, referente alla legalità, in merito al progetto ha dichiarato: “ abbiamo realizzato un  bel progetto in occasione dell’anno europeo della cittadinanza attiva,  progetto che ha voluto promuovere la capacità critica degli studenti.
Hanno partecipato all’iniziativa tutte le classi dell’istituto, in particolare le classi terze, discutendo di temi fondamentali come scuola, ambiente, attività sociali, sicurezza e sport”.

Il dirigente scolastico  della scuola media statale “Giosuè Carducci”, professoressa Giuseppa Attinasi, ha ringraziato il sindaco della Città di Bagheria, Vincenzo Lo Meo, e l’Ispettore Capo della Polizia di Stato, Domenico Barone, per la disponibilità dimostrata a supporto dell’iniziativa. Queste le sue parole: “Il progetto nasce dall’idea di formazione culturale, umana e critica degli studenti, con l’obiettivo di sviluppare una cittadinanza attiva europea. Questo progetto, finalizzato all’inserimento dei giovani all’interno della vita civile, coincide con il ventesimo anniversario del trattato di Maastricht (1 novembre 1993).”

Ufficio stampa comune

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.