f Coinres. Granata condannato anche dalla corte d'appello | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Coinres. Granata condannato
anche dalla corte d’appello

venerdì 21 dicembre 2012, 10:13   Attualità  

Letture: 1.975

La sezione giurisdizionale d’appello della Corte dei conti  ha confermato la condanna  in primo grado nei confronti degli ex presidenti del Coinres Giovanni Granata e Raffaele Loddo per il periodo  fra il 2006 e il 2008.
Alla base del provvedimento, la e assunzioni di personale effettuate dal Coinres senza concorso che è stato stabilito essere illegittime. Secondo la sentenza,  i maggiori costi gravati sul consorzio vanno risarciti dai dirigenti che le hanno decise.
Gianni Granata dovrà do risarcire circa 2 milioni e mezzo di euro.
Il Pubblico Ministero aveva quantificato danni per 4,5 milioni.
La Procura sosteneva che il Consorzio aveva stipulato una settantina di contratti a tempo indeterminato con i lavoratori, sulla base degli elenchi forniti dai Comuni, senza effettuare alcuna verifica sulla sussistenza dei presupposti per l’assunzione; altrettanti assunti illegittimamente provenivano da alcune aziende private che gestivano il servizio integrato di nettezza urbana e una decina erano stati assunti dall’esterno fuori da ogni regola.

Granata ha dichiarato di essere esente da responsabilità poichè avrebbe effettuato quelle assunzioni su mandato del consiglio di amministrazione del Coinres ed ha invocato, in ogni caso, l’uso del potere riduttivo dei giudici.

Il collegio giudicante era presieduto da Salvatore Cilia  che hanno ribadito la necessità dei concorsi pubblici per effettuare quelle selezioni poichè il Coinres, essendo costituito da enti locali, è equiparato a un ente locale.

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.