f Palermo. Fabio Carapezza nominato commissario del teatro Massimo | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Palermo. Fabio Carapezza nominato commissario del teatro Massimo

mercoledì 5 dicembre 2012, 14:34   Cultura  

Letture: 1.727

E’ Fabio Carapezza Guttuso, figlio adottivo di Renato Guttuso e componente del direttivo di Villa Cattolica di Bagheria, il commissario straordinario della Fondazione Teatro Massimo di Palermo. Secondo quanto riferisce una nota del ministero dei Beni culturali, il prefetto Carapezza Guttuso è stato nominato oggi dal ministro Lorenzo Ornaghi, per un periodo di sei mesi. “Il commissariamento – si legge nella nota – si è reso necessario in seguito alla prolungata paralisi dell’attività ordinaria dell’ente e all’impossibilità di gestire la fondazione attraverso gli organi di amministrazione preposti”.

Il sindaco di Palermo Leoluca Orlando, nell’apprendere del provvedimento di nomina esprime “grande soddisfazione per l’avvenuto riconoscimento della legittimità della richiesta avanzata con forza dall’amministrazione e da me in qualità di presidente dell’ente”. Con riferimento al commissario Fabio Carapezza Guttuso, aggiunge “di essere felice per una scelta caduta su persona di chiara competenza e professionalità, oltre che di grandi doti umane”.

“Il Teatro Massimo è un pezzo della mia storia personale e dell’anima di tutti i siciliani. Ci andavo da bambino con Renato Guttuso che realizzava le scenografie di molti spettacoli. Questo ricordo raddoppierà il mio impegno nel restituire serenità a questa istituzione. Già da giovedì prossimo sarò operativo in teatro” dice Carapezza Guttuso. “Ringrazio il ministro Ornaghi per l’incarico e per la fiducia che mi ha dimostrato. Il compito di un commissario è quello di traghettare le istituzioni come il Massimo, per restituirle al nuovo consiglio d’amministrazione”, conclude il figlio adottivo del grande pittore siciliano. Con la sua nomina, infatti, decadono tutti i vertici del Teatro, dall’attuale Cda al direttore artistico. (palermorepubblica.it)

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.