f Porticello. Lacrime per l'ultimo saluto a Nino Alioto, morto giovedì pomeriggio | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Porticello. Lacrime per l’ultimo saluto a Nino Alioto, morto giovedì pomeriggio

sabato 12 gennaio 2013, 12:32   Attualità  

Letture: 6.874

funerali-Aliotodi Martino Grasso

Ancora lacrime, ancora dolore, ancora un funerale per una giovane vita spezzata in un incidente stradale.
Si sono svolti oggi i funerali di Antonino Alioto, il giovane di 19 anni, morto giovedì pomeriggio, lungo la strada Sciacca-Palermo, finito in una scarpata, mentre era a bordo del suo furgone frigorifero che trasportava pesce, all’altezza del bivio con Corleone.
La chiesa Maria Santissima Addolorata di Porticello, si è dimostrata troppo piccola per ospitare le centinaia di persone  che sono accorse per salutare Nino, come affettuosamente veniva chiamato il giovane e per stringersi attorno ai genitori e al fratello, con cui lavorava nel settore ittico.
E chi non ha trovato spazio dentro la chiesa, è rimato fuori, in silenzio, per l’ultimo, affettuoso, saluto a Nino. Un silenzio irreale ha avvolto la piazza Luigi La Placa, malgrado la folla.
Per l’amministrazione comunale era presente il vice sindaco Rosalia Emmiti.
Il gestore di un chioschetto a Porticello sussurra: “Nino era un ragazzo che amava la vita e che aveva un’intera vita davanti a sé”.
Qualcun altro scuotendo la testa sottolinea che “è inammissibile che un genitore seppellisca un figlio”.
L’orazione funebre è stata officiata dal vicario episcopale Raffale Mangano che conosceva la famiglia Alioto”era giovane funerali-Alioto-1pieno di vita -ha detto- molto più maturo della sua età”.
Il parroco ha poi sottolineato che il dolore è umano ma che Nino ha iniziato una nuova vita, nel regno dei cieli.
Ma il dolore per una giovane vita spezzata così presto e così in fretta è incolmabile. Dagli occhiali scuri di amici e parenti le lacrime scendevano senza sosta.
Le zie del giovane hanno letto un messaggio sottolineando che non sarà facile accettare questa grave perdita.
Finito il rito funebre un applauso interminabile ha rotto il silenzio, mentre 19 palloncini bianchi e uno celeste con scritto “ciao Nino” sono stati liberati in cielo, al passaggio della bara. La salma è stata portata sulle spalle degli amici di Nino.
Sulla ringhiera della chiesa è stato sistemato uno striscione con due immagine di Nino sorridente con al fianco la ragazza.
Un sorriso che nessuno mai dimenticherà.

 

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.