f Altavilla Milicia. Il comune diffida il Coinres perchè non paga gli stipendi | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Altavilla Milicia.
Il comune diffida il Coinres
perchè non paga gli stipendi

venerdì 15 febbraio 2013, 11:37   Attualità  

Letture: 1.433

Altavilla--Municipio-1Il Comune di Altavilla Milicia diffida il Commissario straordinario del Coinres per il mancato pagamento degli emolumenti al personale. Lo fa con una nota inviata al commissario Silvia Coscienza per l’ingiustificato prorogarsi del mancato pagamento degli emolumenti al personale dipendente dell’unità operativa di Altavilla Milicia.
“Il Comune ha sempre versato e continua a versare regolarmente al Consorzio quanto dovuto – dice il sindaco Nino Parisi – ciò secondo i parametri che, finora, il Coinres non è stato mai grado di contestare, proprio in virtù della tipologia dei contratti di lavoro del personale a suo tempo trasferito. Se tali contratti fossero stati in qualche modo modificati dal Coinres potrebbe configurarsi l’ipotesi di gravi responsabilità comportanti eventuale reato di danno all’erario, nella misura in cui fossero venuti meno, in danno al Comune quei presupposti che davano luogo ad agevolazioni finanziarie di cui godevano i dipendenti”.
Secondo Parisi infatti, le responsabilità non appartengono al Comune, ma in capo a quegli Organi del Consorzio che hanno posto in essere i relativi provvedimenti gestionali. Sempre secondo il sindaco i suoi attuali amministratori non possono decidere in maniera unilaterale l’importo delle somme dovute mensilmente dal Comune per un servizio a sua carico.
“Diffidiamo ad erogare con ogni urgenza le spettanze dovute relative alle mensilità di dicembre, gennaio e febbraio ai dipendenti dell’unità operativa impiegata ad Altavilla Milicia – conclude Parisi – in modo tale da evitare il sorgere di eventuali disservizi che potrebbero confluire in disfunzioni ben più gravi e generare quindi problematiche di carattere igienico-sanitarie e ambientali ancora peggiori di quelle sin qui patite e delle quali questo Ente, sin da questo momento, non si ritiene in alcun modo responsabile”.

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.