f Gianfranco Fini a Palermo. "Ieri Berlusconi non ha mai pronunciato al parola mafia" | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Gianfranco Fini a Palermo. “Ieri Berlusconi non ha mai pronunciato al parola mafia”

domenica 17 febbraio 2013, 21:11   Politica  

Letture: 820

finiIl presidente della Camera Gianfranco Fini raggiunge via D’Amelio per un’iniziativa politica organizzata da Fli prima delle elezioni di domenica prossima. Fini, che arriva all’indomani del comizio palermitano di Silvio Berlusconi, accusa il leader del Pdl: “Grave che non abbia mai pronunciato la parola mafia”, dice il presidente della Camera riferendosi al lungo intervento dell’ex premier durante il quale non è stata mai pronunciata la parola mafia. “Non voglio polemizzare per il gusto di farlo, ma certamente è stata una grave omissione. Tutti ricordiamo Sciascia e i professionisti dell’antimafia, ma è altrettanto indubbio che oggi la mafia non è un fenomeno soltanto siciliano, ma un cancro che si è diffuso. Per contrastare la mafia, bisogna innanzitutto garantire il rispetto della legge. La legalità deve essere una pratica quotidiana”. Prima di giungere in via D’Amelio Fini è andato dalla vedova del magistrato Paolo Borsellino, Agnese, e dal figlio Manfredi, per “rendere loro omaggio”

All’iniziativa hanno partecipato anche gli esponenti di Fli Carmelo Briguglio, Fabio Granata, Nino Lo Presti, Alessandro Aricò e Tina Montinaro, vedova di un agente di polizia morto nella strage di Capaci. “Siamo in via D’Amelio  –  ha detto il vice coordinatore di Fli Granata  – non per un comizio ma per rinnovare un giuramento e l’impegno solenne per la costruzione di una forza politica legalitaria e radicalmente antimafiosa, distante anni luce dal berlusconismo e dai suoi maggiordomi”. (repubblicapalermo.it)

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.