f Palermo. Sequestrati all'aeroporto 16 chili di lingotti d'oro e d'argento | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Palermo. Sequestrati all’aeroporto 16 chili di lingotti d’oro e d’argento

sabato 9 febbraio 2013, 17:07   Attualità  

Letture: 2.095

lingottiLa Guardia di Finanza di Palermo e l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli hanno sequestrato all’aeroporto “Falcone-Borsellino” oltre 16 chili di lingotti di metalli preziosi, per un valore di mercato di oltre 400.000 euro. I finanzieri della Tenenza di Punta Raisi hanno fermato due persone in partenza per Milano e Roma, in possesso rispettivamente di 5 lingotti d’oro per un peso complessivo di oltre 8 chili, e un lingotto d’argento di circa 8 chili. I metalli preziosi, nascosti nei bagagli dei passeggeri, entrambi operatori nel settore dei ‘compro-oro’ di Palermo e provincia, erano destinati ai mercati di Arezzo e Milano. 
Ai due sono state contestate violazioni amministrative connesse all’assenza del necessario marchio di identificazione e inflitte sanzioni amministrative per importi fino a 1.550 euro. I beni sono stati sottoposti a sequestro amministrativo e i passeggeri segnalati alla questura ed alla Camera di commercio di Palermo.
L’apposizione del marchio identificativo al lingotto ottenuto dalla fusione dei rottami auriferi e argentiferi è un obbligo imposto dalla legge a garanzia della qualità del prezioso, della legittima provenienza e del tracciamento nel mercato di preziosi. Secondo la normativa vigente non sono sottoposti a tale obbligo solo gli oggetti di peso inferiore al grammo, i semilavorati e leghe per odontoiatria e per uso industriale, gli oggetti di antiquariato, gli strumenti ed apparecchi scientifici, le medaglie e le monete fabbricate dalla Zecca dello Stato. (palermo.repubblica.it)

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.