f Altavilla Milicia. Nuove intimidazioni ad imprenditore dopo attentato del 2011 | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Altavilla Milicia. Nuove intimidazioni ad imprenditore dopo attentato del 2011

lunedì 11 marzo 2013, 12:11   Cronaca  

Letture: 3.489

incendio calì cardi Martino Grasso

Il 3 aprile del 2011 subì un grave attentato con 5 macchine andate a fuoco a Casteldaccia.  Si è trasferito ad Altavilla Milicia, ma giovedì scorso, ha ricevuto un’altra visita sgradita, di chi ha chiesto, ancora una volta, il pizzo.
Lui non si è piegato, non ha pagato ma ha anzi denunciato e reso pubblico tutto ciò che è accaduto.
Parliamo di Gianluca Calì, 39 anni, imprenditore, titolare di una concessionaria di automobili ad Altavilla Milicia.
A seguito dell’attentato del 2011 fu costretto a licenziare 12 persone e anche il fatturato crollò.
Calì nei giorni scorsi ha anche fatto affiggere, all’esterno della sua concessionaria, un enorme cartello nel quale chiede aiuto scrivendo “aiutateci a non morire. Se vedete persone sospette avvisate carabinieri 112 e polizia 113. Nel caso si verifichi un incendio, chiamate i vigili del fuoco 115″.
calìGianluca Calì fa parte della schiera di giovani imprenditori che hanno deciso di non sottostare alla mafia e decidendo di ribellarsi, denunciando quanto accaduto.
“La cosa che mi dispiace -dice- è che quando si verificò l’attentato del 2011, molti guardavano le macchine bruciare senza fare nulla. La cosa che mi ha colpito è la psicosi che si è creata subito dopo quell’episodio. Prima vendevamo 25/30 vetture al giorno, dopo l’incendio, sono passati 30 giorni prima che ne vendessimo una. Abbiamo avuto un crollo dell’88%, e  costretti a licenziare 12 persone. Ci siamo trasferiti ad Altavilla Milicia ma le cose non sono cambiate”.
Moltissimi sono gli attestati di stima che stanno arrivando all’imprenditore.
Tutti chiedono di non abbandonarlo e non lasciarlo solo, nella difficile battaglia per la legalità. Gianluca Calì chiede solo di vivere e lavorare in piena libertà.

cartello calìnelle foto l’incendio del 2011, al centro Gianluca Calì e sotto il cartello esposto nei giorni scorsi

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.