f I riti Pasquali della Settimana Santa nel territorio di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

I riti Pasquali della
Settimana Santa
nel territorio di Bagheria

sabato 30 marzo 2013, 10:43   Attualità  

Letture: 1.703

Processione sindacodi Pino Grasso

Con la domenica delle Palme, sono iniziati i riti della Settimana Santa che culmineranno con la Pasqua di Resurrezione. Domenica scorsa in tutte le parrocchie sono stati centinaia i fedeli che hanno preso parte alle varie celebrazioni. Giovedì Santo due sono stati i momenti significativi che hanno caratterizzato la giornata la Concelebrazione Eucaristica della Santa Messa Crismale in Cattedrale, l’unica messa che può essere celebrata nella mattina del Giovedì Santo, con tutti i Sacerdoti dell’Arcidiocesi, quale segno della comunione tra il Vescovo e i suoi fratelli nel sacerdozio ministeriale. Durante la solenne liturgia sono stati benedetti gli oli santi.

L’olio dei catecumeni, col quale si ungono sul petto i battezzandi prima del lavacro battesimale per infondere la forza, segno della lotta contro il male; l’olio degli infermi col quale si ungono sulla fronte e sulle mani i cristiani seriamente ammalati per infondere forza e sollievo nella malattia; l’olio del Crisma, olio misto a balsamo, con cui vengono unti sul capo i battezzati, sulla fronte i cresimati, sulle mani i sacerdoti, sul capo i vescovi come segno della consacrazione dello Spirito Santo. Nella nostra Arcidiocesi è significativa consuetudine che l’olio venga donato da alcune parrocchie dell’Arcidiocesi.

In serata la Santa Messa “Nella Cena del Signore” che ricorda quell’ultima Cena durante la quale Gesù istituì l’Eucaristia e il sacerdozio ministeriale e si svolge il rito della lavanda dei piedi. Venerdì Santo la Liturgia della Passione con la proclamazione della Passione di Gesù dal Vangelo di Giovanni, la Preghiera universale, lo scoprimento, l’ostensione e l’adorazione della Croce, quindi la Comunione eucaristica. A Bagheria in serata la solenne processione del Cristo Morto e dell’Addolorata per le vie della città e al termine il bacio a Cristo morto in tutte le chiese che si è protratto fino alla mattina del sanata Santo.

In serata la Veglia Pasquale che ricorda la notte santa in cui Cristo è risorto, composta da vari momenti significativi: la benedizione del fuoco, la processione all’altare con il cero pasquale, il canto del Preconio Pasquale, la Liturgia della Parola, la Liturgia battesimale e la Liturgia Eucaristica. Durante la Liturgia battesimale in Cattedrale alcuni catecumeni adulti, riceveranno i sacramenti dell’Iniziane cristiana: Battesimo, Cresima e Eucaristia.

Questi i catecumeni: Casetta Davide (San Giovanni Apostolo), Morana Marta e Morana Noemi (S. Ernesto), D’Acquisto Mahmuti Eduard (Maria SS. Mediatrice), Sucato Esterjoy (SS. Crocifisso Acqua Corsari), D’Agostino Carlo e D’Agostino Manfredi (Maria SS. Addolorata), Ponnan Manickam, Krishnarajah Cristian, Amadin Oyebanji, Annabel Deborah e Oyebanji Abdullaiseem Augustin (Cattedrale), Baccar Gjanette (Santa Petronilla, Trabia), Paulatova Jitka Maria (San Michele). Inoltre riceveranno il sacramento della Cresima Sampino Francesca (fidanzata Casetta), Fasone Anna (moglie Ponnan) e Ponnan Ada Maria (figlia Ponnan)

Domenica di Resurrezione alle ore 8.30 il Cardinale celebrerà presso il carcere dell’Ucciardone per tutti i detenuti e alle 11 presiederà il solenne Pontificale della Pasqua di Risurrezione e alla fine impartirà a tutti i presenti la benedizione apostolica con annessa l’indulgenza plenaria.

Arcidiocesi di Palermo – TGWeb 30 marzo 2013

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.