f Palermo. Sequestrato centro estetico "Blue Moon" per prostituzione | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Palermo. Sequestrato
centro estetico “Blue
Moon” per prostituzione

venerdì 22 marzo 2013, 19:48   Cronaca  

Letture: 2.532

Signorino padre e figlioI Carabinieri della Stazione di Palermo Resuttana Colli, hanno tratto in arresto Vito Signorino,51 anni e il figlio Giovanni Battista di 21 anni, palermitani, per favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione.
L’attività di polizia giudiziaria ha interessato il centro estetico “Blue Moon”, gestito dai due in via Ugo La Malfa n.62, dove, in un appartamento al 5° piano, i militari hanno riscontrato come non ci si limitasse solamente ad innocenti “massaggi”, ma vi fosse una vera e propria casa di prostituzione. Infatti, a seguito di un articolato servizio di osservazione, i Carabinieri notavano un continuo via vai di persone e, contestualmente riuscivano ad identificare e raccogliere le testimonianze di diversi avventori del centro massaggi.

In particolare, i “clienti” riferivano come gli appuntamenti fossero presi telefonicamente, chiamando numeri riportati su annunci pubblicati in diversi siti pornografici.

Appurato ciò, i militari, visto l’ennesimo cliente entrare nel palazzo, hanno deciso di fare irruzione, cogliendo il cliente in intimità con una delle “massaggiatrici” ed identificando, così altre 6 donne presenti nei vari locali, tra cui 2 segretarie.

Negli uffici in Caserma, sia i gestori che le donne continuavano a negare qualsiasi coinvolgimento nell’attività di prostituzione, dichiarando di lavorare per i Signorino  dal dicembre 2012 e di svolgere un lavoro “onesto”.

Il tariffario utilizzato per le prestazioni si aggirava tra i 50 ed i 100 € a seconda della prestazione richiesta dal cliente.

Nel corso delle perquisizioni sono stati inoltre, rinvenuti e sequestrati 3 telefoni cellulari, utilizzati per gli appuntamenti, e la somma di euro 280.00, presunto provento illecito attività di prostituzione.

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.