f Bagheria. 9 consiglieri chiedono la sostituzione del presidente del consiglio | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria. 9 consiglieri chiedono la sostituzione del presidente del consiglio

lunedì 29 aprile 2013, 15:48   Politica  

Letture: 1.303

consiglio-comunaleCon un comunicato stampa, 9 consiglieri comunali criticano duramente il presidente del consiglio comunale Caterina Vigilia e ne chiedono la sostituzione. I nove consiglieri comunali sono: Paolo Amoroso, Antonio Chiello, Pietro Di Quarto, Giacinto Di Stefano, Rosario Giammanco, Antonino La Corte, Filippo Maggiore, Antonio Prestigiacomo e Angelo Puleo.

Nel documento si sostiene che: “dopo settimane di silenzio servite per meglio riflettere su quanto è accaduto dopo le pubblicazioni di vari articoli apparsi sui giornali locali, un nutrito numero di Consiglieri comunali è ritornato sull’argomento dei Consigli comunali “inutili” individuandone le cause.

Il Presidente del Consiglio, Vigilia Caterina, in un suo recentissimo articolo sul tema dell’inutilità di molti Consigli comunali, sente il bisogno politico e morale di rassicurare i cittadini bagheresi sul presunto prossimo scioglimento del Consiglio comunale, non dedicando neppure un minuto della Sua preziosa penna al P.R.G. di Bagheria, quello da Lei tenuto segretato per oltre 20 giorni a 20 Consiglieri comunali: un comportamento illegittimo e frutto della Sua incompetenza e impreparazione, ormai diventata parecchio imbarazzante.”

I nove sottolineano di non sentirsi rappresentati degnamente dal consigliere Caterina Vigilia.

“Gli ultimi Consigli comunali -si legge nella nota-, più che essere chiari esempi di improduttività, sono palesemente scandalosi: una Giunta comunale presente a singhiozzo; i Dirigenti quasi sempre assenti; una Segretaria comunale che è sempre meno spesso presente durante i Consigli; un Sindaco spesso assente e sempre disattento ai lavori d’aula e a ciò che i Consiglieri hanno da dire/chiedere/proporre; interrogazioni presentate dai Consiglieri comunali che o non trovano risposta alcuna o sono vagliate solo dopo 10-12 mesi dalla loro data di protocollo, quando la Legge prevede come tempo massimo di 30 giorni; un continuo non rispetto del Regolamento del Consiglio comunale che porta ad una snervante dilatazione dei tempi di intervento, a uno scoordinamento tra Consiglio-Giunta-Dirigenti, a Consiglieri comunali che spesso e volentieri, a Consiglio iniziato, decidono di autogestirsi controvertendo lo pseudo-ordine dato dal Presidente del Consiglio. Insomma, la prassi supera la norma è l’eufemismo che gradevolmente esplicita l’incapacità e inadeguatezza (anche) politica del Presidente Vigilia.”

La lunga lettera continua dicendo che il presidentr spesso non coinvolge i consilghieri comunali e che i consiglieri comubali non sempre dispongono di un’adeguata conoscenza  sulla vigente normativa che possa permettere loro di svolgere con efficacia il loro compito.

Si aggiunge infine che “in questo Consiglio comunale, condotto dal Presidente Vigilia Caterina, è venuta meno la trasparenza e la comunicazione, oltre alla mancata divulgazione e pubblicizzazione dei lavori d’aula”.

I nove consigli conclude chiedendo la sostituzione del presidente del consiglio comunale.

Abbiamo contattato il presidente del consiglio comunale Caterina Vigilia che si è riservata di farci avere una replica alla nota dei 9 consiglieri comunali.

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.