f Santa Flavia. 10 dipendenti comunali dovranno restituire somme non dovute | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Santa Flavia. 10 dipendenti comunali dovranno restituire somme non dovute

venerdì 26 aprile 2013, 11:27   Attualità  

Letture: 3.185

villa filangeriDieci dipendenti comunali, del comune di Santa Flavia, dovranno restituire al comune 12.500 euro, oltre gli interessi maturati, con somme che variano da 736 euro a 1372 euro.
Lo ha stabilito il giudice del lavoro Roberto Rezzonico, presso il Tribunale di Termini Imerese.
Il Comune di Santa Flavia era rappresentato dall’avvocato Riccardo Gentile.
Le somme non dovute, si riferiscono alla produttività percepita senza averne diritto nell’anno 2009.
All’epoca dei fatti, il sindaco Antonio Napoli, su segnalazioni dell’ufficio di ragioneria, aveva bloccato parte delle somme, per delle inesattezze nella ripartizione dei fondi.

I dipendenti comunali avevano invece chiesto e ottenuto un decreto ingiuntivo riguardante il saldo della produttività, e avevano percepito successivamente le somme richieste.
Il Comune si era opposto chiedendo la revoca dei decreti ingiuntivi e la restituzione delle somme versate.
Il giudice del lavoro Rezzonico nell’ultima udienza di qualche giorno fa ha accolto l’istanza del Comune di Santa Flavia revocando i decreti ingiuntivi e condannando alla restituzione delle somme al Comune Da parte dei 10 dipendenti comunali.
Soddisfatto per l’esito delle sentenza, l’ex sindaco di Santa Flavia Antonio Napoli che ha anche dichiarato che l’intera vicenda era stata anche sottoposta alla Corte dei Conti.
“Apprendo con soddisfazione -dice in una nota- che il comune di Santa Flavia sia uscito vincitore da questa vertenza contro alcuni dipendenti. Ciò sta a testimoniare, se ve ne fosse ulteriore bisogno, il ruolo di difesa degli interessi dell’ente a trecentosessanta gradi condotto dalla mia amministrazione durante gli anni del mandato. Spiace constatare come aver disatteso da parte di alcuni dipendenti i miei inviti alla prudenza ed a chiarire tali questioni con gli uffici competenti,   si traduca, oggi, in una condanna a risarcire somme indebite. Devo altresì ringraziare per aver supportato adeguatamente tale difesa dell’ente l’allora responsabile delle risorse umane Ingegnere Giovanni Mineo.”

 

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.