f Bagheria. Otto associazioni chiedono un'assemblea pubblica sul corso Umberto | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria. Otto associazioni chiedono un’assemblea pubblica sul corso Umberto

lunedì 6 maggio 2013, 09:45   Attualità  

Letture: 1.246

corso umberto 11A pochi giorni dalla riapertura del corso Umberto, nelle ore notturne, un cartello di associazioni chiede a gran voce che il corso rimanga chiuso al traffico veicolare.
Le associazioni in questione sono: “Movimento Bagheria Bene Comune”, “Bagheera”, “Guernica”, “Big Bang Bagheria”, “Nuovi Bagheresi”, “Gruppo Civico Noi Cittadini”, “Il Gabbiano” e “Antigone”.
Le associazioni hanno diffuso un comunicato stampa con cui chiedono ai trenta consiglieri comunali di esprimersi singolarmente sulla vicenda e la convocazione di un’assemblea pubblica.
“L’unico luogo di comune aggregazione -si legge nella nota- presente nella nostra città, dove potersi riscoprire persone, lontani dai ritmi frenetici della quotidianità. L’unico spazio dove grandi e bambini possono usare le biciclette. Dove poter fare acquisti in tutta serenità, senza smog e traffico.
Uno dei pochi luoghi della nostra città in cui poter promuovere cultura e spettacoli, investimenti di carattere non solo economico ma anche sociale. Non dobbiamo sottovalutare l’enorme potenziale economico e commerciale del corso.”

Le associazioni sottolineano che “in un momento storico in cui le città sono sempre più spersonalizzate, che non riusciamo a immaginare la nostra città priva di uno spazio fondamentale come il corso Umberto.
Dietro l’apertura o il mantenimento dell’isola pedonale del corso è chiara la presenza di due posizioni: la posizione di chi, come noi, vuol continuare a immaginare e a credere in una città sempre più sostenibile e moderna e la posizione di chi, invece, cerca di additare a questa visione cause da rintracciare sicuramente in altri contesti, accontentandosi di una città in cui non poter vivere ma sopravvivere. Dispiace quindi che questa partita così importante, non solo per il presente ma soprattutto per il futuro della nostra città, si voglia giocare escludendo i giocatori più importanti: i cittadini. Coloro che questa città la vivono ogni giorno e nella quale vogliono costruire il loro futuro.”
Attraverso il documento chiedono di conoscere le posizioni dei trenta consiglieri presenti in Consiglio. E‘ per questo motivo  chiedono la convocazione di un tavolo tecnico di confronto tra le associazioni dei cittadini e le associazioni di categoria e che il sindaco convochi un’assemblea cittadina in cui discutere della questione.

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.