f Bagheria. Poliziotto in pensione dovrà lasciare l'appartamento confiscato | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria. Poliziotto in pensione dovrà lasciare l’appartamento confiscato

mercoledì 1 maggio 2013, 09:03   Attualità  

Letture: 2.509

Agostino Parrinellodi Martino Grasso

Ha avuto assegnato un appartamento confiscato alla mafia, in via Papa Giovanni, ma adesso deve restituirlo allo Stato e non sa dove andare.
Protagonista di questa storia è un ex agente di Polizia: Agostino Parrinello, 58 anni. Da 4 anni in pensione e per 36 anni ha indossato la divisa. Se non arriveranno nuovi provvedimenti, l’uomo, dal 7 maggio, rimarrà senza un tetto dove andare. Con lui vivono la moglie, 3 figli e 3 nipoti da 1 a 5 anni di età.

Suo figlio e nemmeno suo genero percepiscono uno stipendio e tutti vivono della pensione dell’uomo.
L’appartamento gli era stato assegnato dalla Prefettura, nel 2002, dopo un regolare bando. Era arrivato primo nella graduatoria. Parrinello sapeva che una volta andato in pensione, l’alloggio sarebbe tornato allo Stato,  ma ha sperato fino all’ultimo che questo non accadesse. Adesso chiede un po’ di comprensione e un nuovo tetto dove andare con la famiglia.
Come se non bastasse, della pensione può disporre solo 700 euro, per via della cessione del quinto per un finanziamento richiesto negli scorsi anni.

La comunicazione che avrebbe dovuto lasciare l’appartamento è arrivata il 24 aprile scorso: l’uomo avrebbe dovuto andare via il 30 aprile. Preso dallo sconforto si catapultò in Prefettura.

“Ci sono andato -dice- nella speranza di avere una proroga. Mi sono stati concessi solo altri 7 giorni. Ma io non so dove andare. Lo so che devo lasciare l’alloggio ma chiedo di essere capito. Magari ci potrebbero dare un’altra casa. Chiedo solo di essere aiutato dopo 36 anni che ho servito lo Stato come agente di polizia. I miei figli non lavorano e con 700 euro di pensione non possiamo permetterci nessuna casa in affitto”.

Al signor Parrinello è stato anche refertato uno stato depressivo: “non sto bene”.

Adesso chiede solo un po’ di comprensione e un piccolo aiuto. Lo fa con dignità. La dignità di chi spesso è disperato.

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.