f Bagheria. Il Tar dà torto ai commercianti. Il corso Umberto resta chiuso | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria. Il Tar dà torto ai commercianti. Il corso Umberto resta chiuso

lunedì 17 giugno 2013, 13:53   Attualità  

Letture: 1.894

corso umberto 11Il tribunale amministrativo regionale tar Palermo, ha definitivamente rigettato il ricorso proposto da alcuni commercianti e residenti contro l’ istituzione dell’isola pedonale lungo corso Umberto I.

Il Collegio ha infatti ritenuto legittima la scelta operata dall’amministrazione comunale la quale, si legge, nella sentenza, ha individuato e posto in essere le misure ritenute più adeguate al fine di soddisfare le esigenze della collettività.

Ancora nella sentenza si legge: “la istituzione di zone pedonali è una scelta finalizzata alla tutela di interessi aventi rilievo costituzionale (tutela del patrimonio storico artistico, della salute, dell’ambiente, della libertà di circolazione), la quale è caratterizzata da elevata discrezionalità, che può essere sindacata in sede giurisdizionale solo nei limiti della illogicità, della incoerenza o della inattendibilità. Nella fattispecie in esame, ad avviso del collegio, non si riscontrano tali vizi, in quanto dalla delibera del Consiglio comunale n. 9 del 18 febbraio 2009 (avente ad oggetto “Mozione urgente … “Mobilità nel centro storico di Bagheria e misure connesse”) emerge che tale misura è stata preceduta da un ampio dibattito con le forze politiche, le associazioni di categoria e gruppi di cittadini a conclusione del quale è stato decisa la pedonalizzazione…” La sentenza è visionabile sul sito web del TAR Sicilia.

I commercianti sono stati condannati al pagamento delle spese processuali.

L’amministrazione era difesa dal responsabile dell’ufficio Legale comunale. L’avvocato Angela Rizzo.

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.