f I bambini nati nel 2013 e residenti a Bagheria hanno un loro alberello (foto) | LaVoceDiBagheria.it Skin ADV

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

I bambini nati nel 2013 e residenti a Bagheria hanno un loro alberello (foto)

venerdì 14 giugno 2013, 18:49   Attualità, PhotoGallery  

Letture: 3.503

1di Martino Grasso

La piccola Sofia, nata il 1° aprile scorso, da oggi ha un piccolo cipresso nel giardino di Villa Cattolica con il suo nome.
L’iniziativa è del Comune di Bagheria, come previsto da una legge del 1992. Ogni bambino nato nel 2013 e che vive a Bagheria avrà quindi un alberello a lui dedicato e una targhetta con il suo nome.
Sono 160 i bambini di Bagheria nati nel 2013 a cui il Comune ha dedicato un alberello. Oggi ne sono stati piantumati 18 a villa Cattolica, gli altri saranno sistemati a Monte Catalfano nei prossimi giorni.
In quel caso si sceglieranno essenze arboree autoctone.
“Sono emozionata che mia figlia avrà un albero con il suo nome -dice la signora Maria Vincenza– questa iniziativa è davvero bella”.

Per la piantumazione degli alberi c’erano anche il sindaco Vincenzo Lo Meo e l’assessore Massimo Mineo.
Gli alberelli sono stati donati dall’associazione “laboratorio fare ambiente”. Nei prossimi giorni sarà coinvolta anche la sezione bagherese del wwf.
“Abbiamo aderito all’iniziativa -dice il presidente di “fare ambiente” Angelo Di Salvo- per fare avvicinare le famiglie bagheresi all’ambiente”.
“Siamo soddisfatti di avere dato vita a questa legge -dice il sindaco- che finora non era possibile attivare”.
“La legge – dichiara l’assessore alle Politiche Ambientali e Sociali, Massimo Mineo, –  che punta ad incentivare gli spazi verdi urbani, per migliorare la qualità della vita, esiste da oltre vent’anni, ma difficilmente ha trovato riscontro nelle diverse realtà comunali italiane. L’intenzione della norma mira a contrastare, almeno in parte, la perdita di zone verdi in Città, ch,e secondo recenti studi, è di otto metri quadrati al secondo”.

Una bella iniziativa, dunque, che avvicina la comunità bagherese a standard di civiltà europea. La legge infatti risale a 20 anni fa. Ma meglio tardi che mai.

 

 

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.