f Inchiesta sui grandi appalti. Scarcerata la moglie di Giacchetto | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Inchiesta sui grandi appalti. Scarcerata la moglie di Giacchetto

sabato 22 giugno 2013, 09:11   Attualità  

Letture: 2.629

giacchettoE’ stata scarcerata Concetta Argento, moglie di Fausto Giacchetto, nell’ambito dell’inchiesta sui presunti favori ai politici regionali, per avere grossi appalti.
La donna, che era stata arrestata, ha dichiarato di essere solo una casalinga e di non sapere niente degli affari del marito.
Ieri mattina il Gip Luigi PetrucCi ha revocato la custodia cautelare, accogliendo le istanze degli avvocati.
La donna ha l’obbligo di dimora a Santa Flavia e a Bagheria, paesi dove abita e gravita.
Intanto Fausto Giacchetto, attorno al quale ruota l’intera vicenda, si è difeso negando ogni colpa.
Secondo l’accusa si sarebbe appropriato di 15 milioni  destinati all’ente di formazione Ciapi e avrebbe pilotato  diverse gare d’appalto per la gestione della comunicazione dei  grandi eventi siciliani.
Giacchetto, arrestato insieme a 16 tra ex assessori, politici  e dirigenti regionali, ha risposto per 4 ore alle domande dei pm  sostenendo, tra l’altro, che 11 dei 15 milioni dati al Ciapi  sarebbero stati destinati all’assunzione di oltre 200 persone  incaricate di collocare nel mondo del lavoro 1500 giovani, in  realtà mai assunti. Il manager ha respinto le accuse di  corruzione e turbativa d’asta.      Giacchetto ha detto senza mezzi termini che l’idea che qualcuno possa averlo tentato di corromperlo o altro lo offende e che tutto quello che ha costruito è frutto delle sue doti manageriali. Tutte le sue idee e altro sono nate semplicemente dalle sue capacità e dalla sua bravura. Insomma, per il project manager tutto si sarebbe svolto in maniera assolutamente regolare. Alle domande dei pm ha risposto anche l’imprenditore Pietro  Messina che avrebbe fatto qualche ammissione, mentre un altro  imprenditore, Luciano Muratore, avrebbe sostenuto di avere  regolarmente fatturato i servizi resi al Ciapi. Si è avvalso  della facoltà di non rispondere invece l’esponente del Pid  Domenico Di Carlo.

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.