f Palermo. Arrestato il sacerdote Aldo Nuvola per prostituzione minorile | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Palermo. Arrestato il sacerdote Aldo Nuvola
per prostituzione minorile

martedì 23 luglio 2013, 11:01   Cronaca  

Letture: 1.825

carabinieri 1La compagnia dei carabinieri di Piazza Verdi, ha arrestato il sacerdote Aldo Nuvola, 48 anni, con l’accusa di prostituzione minorile e induzione alla prostituzione.
Il provvedimento è stato emesso su disposizione dei Pubblici Ministeri della Procura di Palermo titolari dell’attività, Calogero Ferrara e Diana Russo coordinati dal Procuratore aggiunto Maurizio Scalia.

L’atto trae origine dalle investigazioni svolte a seguito dell’omicidio di Massimo Pandolfo avvenuto lo scorso 24 aprile. I contorni dell’evento, maturato in ambiente omossessuale e commesso da un sedicenne, hanno portato a scoprire e documentare l’esistenza di un giro di prostituzione omosessuale minorile che vedeva tra i suoi più assidui avventori il sacerdote Aldo Nuvola (soggetto già condannato in primo grado per “molestia o disturbo alle persone”, per aver tentato ripetuti approcci sessuali nei confronti di un giovane 17enne, e pregiudicato per “atti osceni” per essere stato trovato, in questo centro, a bordo della propria autovettura in atteggiamenti intimi con un altro uomo). L’attenzione sul sacerdote fu posta sin dalle prime battute dell’indagine quando si accertò, attraverso l’analisi dei tabulati dell’omicida, un costante scambio di messaggi e telefonate tra i due; scambio che avvenne anche nelle ore immediatamente successive alla morte del Pandolfo.

I ragazzi scelti dal sacerdote generalmente sono provenienti da ambienti degradati di Palermo, adolescenti soliti trascorrere le loro nottate fuori casa e che accondiscendono a vendersi in cambio di denaro o altra utilità: il sacerdote pianificava giornalmente appuntamenti con i “suoi” ragazzi per consumare rapporti sia all’interno della propria vettura che presso la sua abitazione. In altre occasioni è stato documentato “l’abbordaggio” occasionale dalla propria automobile, direttamente sulla strada, di giovani prostituti sconosciuti. Il sacerdote, infatti, gravitava in orari notturni, nelle aree di Palermo più frequentate dai giovani, che, sebbene non svolgano in modo continuativo il mestiere di “marchettari”, spesso accettano di avere rapporti sessuali dietro pagamento di denaro o altra utilità.

È stato inoltre documentato come, a seguito dei rapporti, non manchi mai il pagamento che avviene sotto forma di piccole dazioni in denaro contante (20-30 euro), ricariche telefoniche oppure l’acquisto di cibo e bevande.

Si evidenzia infine che i giovani con cui si rapporta il sacordote sono a conoscenza della sua posizione sociale e culturale che viene costantemente ribadita dal sacerdote. Gli stessi, peraltro, sembrano rimanere affascinati dalla sua figura e dai suoi modi di proporsi e sono soliti rivolgersi a lui chiamandolo “Padre Aldo”.

L’arrestato, è stato associato presso la Casa Circondariale “Pagliarelli” di Palermo.

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.