f Santa Flavia. Condannato per abuso d'ufficio Antonio Napoli. "Sono esterrefatto" | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Santa Flavia. Condannato per abuso d’ufficio Antonio Napoli. “Sono esterrefatto”

mercoledì 24 luglio 2013, 20:45   Cronaca  

Letture: 4.201

Antonio NapoliCondannato a 6 anni l’ex sindaco Antonio Napoli abuso d’ufficio, nella vicenda legata all’assunzione dell’ex capo ufficio tecnico del comune di Santa Flavia,  Giovanni Mineo, anche gli condannato a 3 anni e sei mesi.
Per entrambi anche la pena accessoria dell’interdizione dai pubblici uffici.
La sentenza è stata emessa oggi dal pubblico ministero del Tribunale di Termini Imerese, Dario Gallo.
E’ stato invece assolto Francesco Cicero, ex collaboratore di Mineo.
“Sono esterrefatto -il primo commento dell’ex sindaco- è evidente che ci appelleremo alla sentenza che riteniamo assolutamente ingiusta.
Non pensavo che potessimo essere condannati, visto che non ho fatto assolutamente nulla di illecito. Le carte che abbiamo in mano parlano chiaro. Adesso attendiamo con serenità il giudizio della corte d’appello che è collegiale e non monocratica come quella che ci ha condannati. Questa sentenza è davvero inconcepibile, anche alla luce del fatto che il Tribunale del lavoro ci aveva dato ragione”.
Napoli dovrà anche risarcire le parti civili fra cui lo stesso Comune di Santa Flavia e le parti offese, fra cui la dipendente comunale Patrizia Li Vigni, l’ex assessore Gaspare Affatigato e Pasquale Cirrincione.
Napoli, era difeso dagli avvocati Nino Caleca e Marcello Montalbano.
La vicenda risale a 6 anni fa, quando al Comune venne assunto l’ingegnere Giovanni Mineo, capo ufficio tecnico.
Per l’accusa il sindaco ne favorì l’assunzione.
La richiesta di rinvio a giudizio venne presentata dai Pubblici Ministeri Francesco Gualtieri e Bruno Brucoli.
Dopo il rinvio a giudizio, Napoli e Mineo chiesero il rito abbreviato, mentre l’ex segretaria comunale, Paolina La Barbera il rito ordinario. Seguirono numerose udienze infruttuose, fino all’ultima, con la quale sono arrivate le condanne.
Adesso la parola passa al secondo grado, ossia la Corte d’Appello ed eventuale alla Cassazione.

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.