f Per la Capitaneria di Porto di Palermo le sanzioni sulle trattorie e ristoranti sono valide | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Per la Capitaneria di Porto di Palermo le sanzioni sulle trattorie e ristoranti sono valide

giovedì 22 agosto 2013, 07:48   Attualità  

Letture: 1.394

pesce sequestrato-2di Martino Grasso

La Capitaneria di porto di Palermo, rivendica i controlli effettuati nei giorni scorsi su alcune trattorie e ristoranti del litorale, durante i quali sono state elevate salate multe anche ad Aspra e Casteldaccia, per il cattivo stato di conservazione e commercializzazione dei prodotti.
All’indomani dell’operazione, i vertici dell’Asl 6 di Palermo avevano sottolineato che le multe sarebbero state annullate, perché i controlli non erano di competenza della Capitaneria di Porto.
Adesso la Capitaneria di porto passa al contrattacco.
“Il complesso normativo  – si legge in una nota diffusa dalla capitaneria di porto di Palermo – stabilisce che l’attività di controllo sulla pesca, sul commercio e sulla somministrazione dei prodotti di essa, nonché l’accertamento delle infrazioni sono affidati, sotto la direzione dei comandanti delle capitanerie di Porto, al personale civile e militare dell’Autorità Marittima centrale e periferica, alle Guardie di finanza, ai carabinieri, agli Agenti di pubblica sicurezza ed agli agenti giurati.
La norma – continua la nota – di fatto attribuisce al corpo  delle capitanerie il controllo sull’intera filiera, dalla cattura alla somministrazione nonché una competenza per materia che non è quindi limitata al solo ambiente marino”.
Quindi i verbali che l’Asl aveva preannunciato che sarebbero stati annullati, dovrebbero rimanere validi.
Non è escluso che nelle prossime ore si registri la controreplica dell’Asl.

foto archivio

 

 

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.