f Il Comune contiene i costi, ma spende ogni anno 500.000 euro per gli affitti | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Il Comune contiene i costi, ma spende ogni anno 500.000 euro per gli affitti

venerdì 6 settembre 2013, 10:36   Politica  

Letture: 1.944

bagheriadi Pino Grasso

Nonostante il piano di contenimento della spesa pubblica determinato dall’Amministrazione comunale ad inizio anno, è sempre più salato il conto per le casse comunali che devono garantire il costo degli affitti per ospitare alcune scuole dell’obbligo cittadine, la sede circoscrizionale di Aspra, i locali del comando di Polizia urbana e quelli di via Mattarella che saranno lasciati a settembre. L’amministrazione comunale ha infatti dovuto emanare una serie di determine dirigenziali per garantire il canone locativo degli immobili presi in affitto in mancanza di appositi locali comunali, maggiorati dell’aggiornamento Istat per l’anno 2012 per una spesa che si aggira sui 500.000 euro all’anno.Per l’affitto dei locali di via Consolare destinati a sede della scuola media statale “Tommaso Aiello” il Comune versa annualmente alle due ditte la somma complessiva di 260.707,76 euro di cui 169.773.21 euro per la sede centrale, 11.822,58 euro per l’affitto del campo di gioco della scuola e 78.184,87 euro per l’altro immobile. Sempre per quanto riguarda l’affitto locali di via Papa Giovanni XXIII, destinati a scuola materna la somma annuale ammonta a 26.293,40 euro, mentre quella per l’affitto dei locali di via monsignore Cipolla, destinati a uffici comunali e a sede del consiglio di quartiere di Aspra a 26.828,55 euro. I locali di via Falcone Borsellino destinati a sede del comando di polizia municipale costano al Comune 99.526,72 euro e quelli di via Mattarella dove sono ospitati uffici comunali fino al prossimo mese di settembre, l’importo ammonta per 9 mesi a 108.886,65 euro. E grazie al III Settore “Lavori e servizi pubblici” che ha invocato un parere della sezione della Corte dei Conti dell’Emilia Romagna, con cui si afferma che l’aumento dell’Istat viene riconosciuto soltanto per il periodo antecedente l’entrata in vigore del Decreto legge 6 luglio 2011 n. 95, il Comune ha risparmiato qualche centinaio di euro. In base a tale provvedimento la spesa per il canone dei locali di via Consolare destinati a sede della scuola media statale “Tommaso Aiello” è stata ridotta da 171.786,33 euro a 169.773.21 euro e per l’affitto del terreno dove insiste un campetto di gioco da 11.967,10 euro a 11.822,58 euro e da 79.111,97 euro a 78.184,87 euro per il secondo plesso. Per l’affitto locali di via Papa Giovanni XXIII, destinati a scuola Materna l’importo è stato ridotto da 26.293,40 euro a 26.032,46 euro, quello per la circoscrizione di Aspra da 27.146,68 euro a 26.828,55 euro e quello dei locali del Comando vigili urbani da 121.862,47 euro a 99.526,72 euro.

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.