f Palermo. Sequestrati beni per 2 milioni di euro a due presunti mafiosi | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Palermo. Sequestrati beni per 2 milioni di euro a due presunti mafiosi

lunedì 16 settembre 2013, 12:21   Cronaca  

Letture: 1.439

guardia di finanza nuovaUna palazzina, una villa, diversi appartamenti, magazzini commerciali, automezzi e disponibilità finanziarie – per un valore complessivo di oltre 2,7 milioni di euro – sono stati confiscati dalla Guardia di finanza di Palermo in esecuzione di due distinti provvedimenti emessi dall’ufficio Misure di prevenzione del tribunale di Palermo.
Il grosso della confisca (2,3 milioni) è a carico di Francesco Fascella, 75 anni, appartenente alla famiglia mafiosa della Guadagna, già arrestato nel 1984 e condannato in via definitiva nel 1990, a 8 anni e 6 mesi per associazione mafiosa e rapina; scontata la pena, è stato nuovamente arrestato nel 2009, insieme ad altre persone, per reati di mafia e condannato nel 2010 a 3 anni e 10 mesi. Nello specifico, la confisca ha riguardato 9 unità immobiliari a Palermo, 2 auto, 1 autocarro e disponibilità finanziarie.
Il secondo provvedimento è stato eseguito nei confronti di Giuseppe Romeo, 49 anni, già condannato nel 1986 per detenzione di armi, poi arrestato nel 2009 per usura (praticava tassi fino al 120% annuo) in danno di alcuni imprenditori palermitani. Per usura è stato condannato in via definitiva, nel 2010, a 5 anni, a Romeo, appartenente alla famiglia della Noce, sono stati confiscati un appartamento a Palermo e disponibilità finanziarie, ritenuti a lui  riconducibili e nella sua piena disponibilità, sebbene formalmente intestati a parenti; somme sproporzionate rispetto alle fonti di reddito ufficiali dichiarate.

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.