f Bagheria. Approvato il progetto per un centro per le donne vittime di violenza | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria. Approvato il progetto per un centro per le donne vittime di violenza

martedì 8 ottobre 2013, 09:32   Attualità  

Letture: 1.446

donna violenzaPotrebbe sorgere nel territorio comunale un centro che accolga le donne che hanno subito violenza. L’amministrazione comunale ha infatti approvato un progetto per la realizzazione di un centro antiviolenza e casa di accoglienza  da realizzarsi in una palazzina in via Pergolisi confiscata alla mafia e trasferita al patrimonio Comune di Bagheria.
A proporre l’atto alla Giunta, l’Assessore ai Beni Confiscati, Gaetano D’Agati, con il supporto tecnico del responsabile del servizio Acquisizione e Regolarizzazione Beni Confiscati del Settore I Urbanistica, il geometra Cosimo Tantillo.
L’atto risponde all’esigenza di partecipare ad un avviso di finanziamento, pubblicato sulla gazzetta ufficiale.
“La scelta della Giunta ha un alto valore simbolico – spiega l’assessore D’Agati – perché  rappresenta il pieno utilizzo di tutti i beni confiscati alla criminalità organizzata, per fare nascere da quelle strutture luoghi dove vengano svolte attività sociali al servizio del territorio, al fine di rafforzare e accrescere la cultura della legalità e creare un’opportunità di sviluppo e di lavoro in un contesto sofferto ma desideroso di cambiamento”.
Il progetto, che prevede un importo complessivo di 141.384,67 euro, dei quali 97.464,67 specifici per il progetto e 43.920,00 euro per l’acquisizione di Beni e Servizi, è stato realizzato da un tecnico interno al Comune, il RUP (responsabile unico del procedimento) nonché progettista è il geometra Cosimo Tantillo collaborato dal supporto amministrativo di Vincenza Fricano, e dall’esperto per la progettazione finanziaria, l’ingegner Santo Lo Piparo.

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.