f Milano. Morto Piero Mazzarella, figlio di Saro, originario di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Milano. Morto Piero Mazzarella, figlio di Saro, originario di Bagheria

lunedì 28 ottobre 2013, 10:53   Spettacolo  

Letture: 2.263

piero mazzarelladi Franco Verruso

Negli ultimi mesi si è parlato molto del “Caso Mazzarella”: numerosi articoli su varie testate, diversi appelli, tante interviste per evidenziare un triste caso che riguardava un grande attore, Piero Mazzarella, l’ultimo alfiere del teatro dialettale milanese: rappresentava, infatti, Milano come i De Filippo rappresentavano Napoli, Cesco Baseggio, Venezia e Gilberto Govi, Genova. Pochi, però, sanno che Mazzarella, nato 85 anni fa a Caresana (Vercelli) e morto venerdì 25 ottobre a Milano, era di origini siciliane. Il padre Saro, infatti, era di Bagheria e per un quarantennio è stato saggio amministratore dei più importanti circhi equestri nazionali ed europei; la madre, Maria Masera, milanese, era attrice nella Compagnia di Edoardo Ferravilla. Così, Saro e Maria, costituita una loro Compagnia filodrammatica, giravano alcune piazze della Lombardia. “I miei genitori erano guitti, e me ne vanto -evidenziava l’attore, in un’intervista- perché “guitto” significa povero di mezzi ma non di bravura…”. Il nostro Piero, a soli dieci anni, è catapultato sul palcoscenico per interpretare Cosetta, ne I Miserabili di Hugo, e sostituire la giovane attrice ammalata. Quel debutto imprevisto gli fa capire che la sua vera vocazione è il teatro. Più grande, inizia, quindi, con l’avanspettacolo, poi la rivista; gira varie piazze riscuotendo, sempre, grande successo. Alla fine degli anni cinquanta, con la sua compagnia, porta anche al Teatro Golden di Palermo, lo spettacolo “Contro… sesso vietato”. Nel 1957, a causa d un tragico incidente d’auto, muore la moglie, l’attrice Marisa Monzelli; rimasto vedovo, dovendosi prendere cura dei figli, decide di lavorare stabilmente a Milano. Grande amico di Giorgio Strehler, Mazzarella ha recitato al Piccolo Teatro di Milano, poi, ancora, al Gerolamo, al Sant’Erasmo, al Manzoni, all’Olimpia, al Teatro Franco Parenti, al Teatro S. Calimero e al Teatro della 14^. E’ stato lui che ha riportato sulla scena, con crescente successo, “Tecoppa”, il personaggio-maschera meneghina, creata alla fine dell’Ottocento dal grande attore Edoardo Ferravilla. Poi, alle commedie, alcune delle quali scritte dal fratello Mario (in arte Rino Silveri, che spesso recitava con lui e firmava le regie), alternava partecipazioni a film (circa trenta), accanto a Alberto Sordi, Renato Pozzetto, Ornella Muti, Tomas Milian, Gloria Guida, Tony Renis, Edwige Fenech, Massimo Boldi, Jerry Calà, Syla Koscina, Lino Banfi, Franchi e Ingrassia. Persino Fellini gli aveva proposto due film, “Amarcord” e “La voce della luna”, ma Piero non accettò perché gli attori della sua compagnia sarebbero rimasti senza lavoro. Alla fine degli anni settanta è stato uno dei primi a lavorare negli studi di Tele Milano 58, con le tv di Berlusconi e, nel 1983, era tra gli interpreti di “Grand Hotel”, su Canale5. Aveva partecipato a sceneggiati televisivi (“Il Mulino del Po”, con Raf Vallone, “Eleonora” con Giulietta Masina, “Arabella”, con Maddalena Crippa) e alcune miniserie TV (“Piccolo mondo antico“, “Delitto e castigo”, “I Promessi Sposi). Circa un anno fa, la decisione drastica: ormai stanco e ammalato, Piero Mazzarella, Commendatore della Repubblica (dal 1963), decise di abbandonare le scene e il suo pubblico. Mazzarella alla stampa, nelle interviste e persino a Barbara D’Urso, a “Pomeriggio Cinque”, aveva detto d’essere costretto, per bisogno e, nonostante l’età avanzata, a calcare ancora le scene. “Sono invalido, soffro di diabete, ho la bronchite cronica, crisi respiratorie e prendo le bombole d’ossigeno -dichiarava, tra l’altro, a Carlotta Niccolini, in un’intervista per il Corriere della Sera- la mia pensione e quella modestissima di mia moglie, non bastano per pagare l’affitto e mandare avanti la famiglia; ed i miei figli, lavorano saltuariamente… Qualche amico mi ha concesso di fare alcune pomeridiane la domenica, spero che la gente venga in massa e mi permetta di pagare i debiti. Oggi mi trovo ridotto così, per essere stato sempre generoso, non ho mai chiesto favori e ho sempre detto quello che pensavo”. Lo scorso dicembre aveva ricevuto lo sfratto dalla sua casa di Segrate “ e, forse, -come ha riportato un cronista- questa è stata un’ulteriore amarezza per un artista come lui ancora in attesa che gli venisse riconosciuto il vitalizio della legge Bacchelli”.

tratto da siciliainformazioni.com

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.