f Aspra. Matera denuncia gli scarichi illeciti nel fiume Eleuterio | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria 1.8.9.0 BETA

Aspra. Matera denuncia gli scarichi illeciti nel fiume Eleuterio

giovedì 7 novembre 2013, 10:22   Cronaca  

Letture: 1.428

frantoioIl presidente del consiglio circoscrizionale Atanasio Matera, ha presentato una denuncia ai carabinieri di Bagheria, sugli scarichi illeciti di frantoi oleari che rilasciano nel Fiume Eleuterio i residui della spremitura delle olive per la produzione dell’olio.
La denuncia è stata presentata anche a
l Presidente del Consiglio Comunale di Bagheria, al comandante della Polizia Municipale, al Responsabile U.O.T. di Prevenzione di Bagheria, alla Legambiente, all’Arpa, e all’assessorato Territorio ed Ambiente-Sicilia di Palermo.
“Si tratta di un vero e proprio reato -dice Matera- che diversi titolari di frantoi della zona perpetrano durante tutto il periodo della campagna olearia.
L’inquinamento, prodotto da tale tipologia di scarichi, provoca effetti dannosi per la salute e per tutto l’ecosistema, ed inficia anche il funzionamento del depuratore, causando tra l’altro olezzi ed emissioni di particelle patogene nell’aria della nostra cittadina.
Infatti, è sotto gli occhi di chiunque si rechi alla foce del Fiume Eleuterio, quello che sta accadendo: acqua di colore brunastro marrone mista a sansa scura e maleodorante, che ogni anno trasforma il fiume nel periodo della raccolta delle olive.
E’ una situazione molto grave che annualmente “sfugge ai controlli degli Organi preposti”, pertanto a nome mio e di tutto il Consiglio Circoscrizionale di Aspra, invito i soggetti in indirizzo ad attivarsi colpendo i responsabili e ripristinando le condizioni favorevoli alla salvaguardia dell’ambiente marino di Aspra, ed al buon funzionamento dell’impianto di depurazione.”

 

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.