f Bagheria. Pid-Cp: “il piano di riequilibrio non deve mettere le mani in tasca ai bagheresi” | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria 1.8.9.0 BETA

Bagheria. Pid-Cp: “il piano di riequilibrio non deve mettere le mani in tasca ai bagheresi”

martedì 12 novembre 2013, 09:49     

Letture: 595

cantiere popolareIl consiglio comunale di ieri per la presentazione di un emendamento dal decreto legge sulla legge di stabilità  era anacronistico.
Ad affermarlo è il gruppo consiliare del Pid-cantiere popolare. 
“Il Gruppo PID-CP – si legge in una nota- ritiene che la convocazione di questo consiglio sia stato un errore, sia “per metodo” che “per merito”: Per metodo poiché lo stesso nasce senza alcuna concertazione con i gruppi consiliari, all’interno della conferenza di capi-gruppo. È utile sottolineare che per un argomento così delicato, la conferenza dei capi-gruppo non si è riunita per mancanza del numero legale, da addebitare all’assenza dell’UDC, partito del Sindaco nonchè del Presidente del Consiglio. Tale circostanza ha di fatto impedito la partecipazione dei rappresentanti politici che in seno al Parlamento avrebbero dovuto perorare il nostro appello.
Per merito poiché il suddetto ODG risulta di fatto “anacronistico”, tenuto conto che tale percorso è stato suggerito in aula, in occasione di precedenti consigli comunali, da alcuni consiglieri comunali e di fatto recepito e trasmesso dal sindaco al ministro D’Alia, ancor prima della convocazione del predetto consiglio.Bisogna inoltre ricordare che la Corte dei Conti ha tratteggiato in modo chiaro quanto sta accadendo al comune di Bagheria, palesando l’inevitabile condizione di dissesto finanziario.
Sono queste le ragioni che hanno indotto il PID-CP a votare contro gli estremi della “straordinarietà ed urgenza” della convocazione.”

 

 

Tuttavia la maggioranza dei consiglieri presenti ha ritenuto opportuno aprire il dibattito sull’ODG così come presentato. Il PID-CP, svolgendo il compito di opposizione responsabile, a tutela dei cittadini, ha proposto, ed ottenuto, di integrare l’ODG. L’integrazione recepita prevede di “promuove nei confronti delle Parlamento, dell’ANCI (Associazione Nazionale dei Comuni Italiani), dei Sindaci e degli Enti Locali interessati, la modifica dell’art.243 bis lett. g del TUEL, al fine di consentire l’accesso al fondo di rotazione di cui all’art. 243 ter, senza l’obbligo di aumentare le aliquote e le tariffe a scapito dei cittadini Bagheresi”.

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.