f Palermo. "La Vucciria" di Guttuso in esposizione nella sala Magna dello Steri | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Palermo. “La Vucciria”
di Guttuso in esposizione
nella sala Magna dello Steri

domenica 22 dicembre 2013, 13:28   Cultura  

Letture: 1.769

vucciriaLa Vucciria di Renato Guttuso, il celebre dipinto che l’artista realizzò nel 1974 e donò all’Ateneo due anni dopo, è esposto permanentemente da oggi nella Sala Magna dello Steri.
La nuova collocazione del dipinto è stata inaugurata con un concerto del coro delle voci bianche del Teatro Massimo.
Fabio Carapezza Guttuso, figlio adottivo dell’artista, oggi commissario straordinario del Teatro Massimo, che ha preso parte alla cerimonia, racconta: “Era stato Guttuso, nella lettera per la donazione consegnata all’allora rettore La Grutta, a chiedere che il quadro dedicato al famoso mercato palermitano delle abbanniate fosse destinato a una sala rappresentativa come la Sala dei Baroni.
Il suggerimento gli era stato dato da mio padre, Marcello Carapezza, allora pro rettore dell’Ateneo di Palermo. Guardando il suo amico Renato Guttuso impegnato nella realizzazione del quadro, gli aveva proposto di donarlo all’Università, appositamente per quella sala. Guttuso aveva accolto immediatamente l’idea e al termine del suo lavoro decise di regalare l’opera all’Università. Oggi, dopo quasi quarant’anni, si conclude il percorso che era stato allora da entrambi immaginato”. Finora il quadro è stato esposto al piano terra, nella sala che era denominata “della Vucciria” , accanto alla Sala delle Armi. “Mettiamo in atto così la volontà che l’artista aveva espresso – dice il rettore Roberto Lagalla – e ci impegniamo a continuare nell’opera di valorizzazione dei nostri tesori”
(palermo.repubblica.it)

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.