f Santa Flavia. Nota dei consiglieri comunali Vella e Tripoli sulla Tares | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Santa Flavia. Nota dei consiglieri comunali
Vella e Tripoli sulla Tares

sabato 21 dicembre 2013, 13:52   Politica  

Letture: 2.221

santa flavia villa filangeriI consiglieri comunali del Comune di Santa Flavia Francesco Vella e Giuseppe Tripoli in merito ai manifesti che sono stati affissi nel territorio flavese inerenti l’aumento delle tasse, con una nota, puntualizzano che pur non sedendo tra i banchi della maggioranza, hanno ritenuto con senso di responsabilità necessario ed obbligatorio approvare il tributo comunale sui rifiuti e sui servizi ”TARES”, istituito con D.L. n. 201 del 06/12/2011 convertito con modificazioni dalla legge n. 224 del 22/12/2011.

“La norma sopra richiamata -si legge nella nota- cita quanto segue:
“In ogni caso deve essere assicurata la copertura integrale dei costi di investimento e di esercizio relativi al servizio …” .
Pertanto gli scriventi considerato che la mancata approvazione delle aliquote avrebbe comportato l’impossibilità di iscrivere la posta in bilancio per un importo di circa 2.300.000,00 euro e ciò avrebbe causato una situazione di irreversibile dissesto per il Comune, così come rappresentatoci dall’Amministrazione,  quindi lacrime, sangue e sudore per tutta la cittadinanza per 5 anni,  con senso di responsabilità nei confronti dei cittadini hanno ritenuto di dover scegliere il male minore.
Chi ha scritto il manifesto avrebbe dovuto pubblicare che soltanto i consiglieri Francesco Vella e Giuseppe Tripoli tramite propri emendamenti hanno apportato delle modifiche al regolamento a favore delle classi meno abbienti e delle imprese flavesi sia per quanto concerne  TARES, IMU e Addizionale Comunale Irpef.
Gli scriventi invitano i cittadini, qualora ravvisino degli errori nelle comunicazioni di pagamento pervenutegli (errata superficie, numero componenti nucleo familiare, mancato riconoscimento agevolazioni), a recarsi presso gli uffici comunali per chiedere e pretendere le dovute correzioni.
Svolgere il ruolo di Consigliere Comunale non significa conseguire onori, ma spesso bisogna avere il coraggio di assumersi le proprie responsabilità.”

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.