f Altavilla Milicia. Pubblicato il bando per la pubblica illuminazione | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Altavilla Milicia.
Pubblicato il bando per la
pubblica illuminazione

sabato 18 gennaio 2014, 13:44   Politica  

Letture: 1.013

parisi ninoE’ stato pubblicato il bando di gara per la messa in sicurezza dell’impianto della pubblica illuminazione posto sotto sequestro dall’autorità  giudiziaria, nel luglio 2012, a seguito del collaudo negativo dei lavori di riqualificazione del centro urbano.

I lavori erano stati appaltati nell’anno 2006. La loro cattiva esecuzione, più in particolare la pericolosità dell’impianto della pubblica illuminazione, aveva indotto la Procura della Repubblica di Termini Imerese a sequestrare il settore 1 e 2 di detto impianto, oscurando di fatto parte del centro urbano a nord-ovest di Altavilla Milicia. Tale decisione è stata determinata dalla necessità di tutelare l’incolumità pubblica poiché, per troppi anni, era stata ignorata la pericolosità dell’impianto. Circa 500 pagine di relazione dei CTU, nominati dal tribunale, hanno dimostrato come i cittadini erano stati esposti inconsapevolmente a serissimi pericoli. Sarà l’autorità giudiziaria a stabilire eventuali responsabilità in capo dei singoli soggetti coinvolti.

Gli impianti del paese rimarranno spenti ancora per poco tempo. L’attuale amministrazione comunale del tutto estranea a quest’aberrante vicenda, poiché riconducibile solo alle precedenti amministrazioni, è stata veramente attenta e solerte nel ricercare le idonee soluzioni a questa grave problematica, ciò nel pieno rispetto delle disposizioni impartite dalla Procura della Repubblica di Termini Imerese e adottando tutte quelle procedure ordinarie che regolano le attività degli enti locali.

“Siamo veramente orgogliosi di avere riparato e risolto, in un breve arco di tempo, molti disastri ereditati dalle cattive gestioni pregresse. Ricordo, fra le tante cose, che nel corso di questi pochi mesi di mandato ci siamo dovuti confrontare con la messa in sicurezza di un edificio scolastico che era stato chiuso, nel mese di gennaio 2013, a seguito di un sopralluogo dei Vigili del Fuoco, per la mancanza dei requisiti minimi di sicurezza. Lo abbiamo risolto prima dell’inizio del nuovo anno scolastico. La nostra attenzione verso la sicurezza degli edifici scolastici ha fatto si che entro il mese di maggio partiranno i lavori, già appaltati, per la messa in sicurezza del plesso scuola media. Ci siamo dovuti confrontare con l’esaurimento dei loculi cimiteriali comunali e anche in questo caso è in itinere il bando di gara per la soluzione di questa problematica. Infine, come già anticipato, è in fase di soluzione anche la problematica dell’impianto della pubblica illuminazione sequestrata che, a seguito dell’espletamento delle procedure di evidenza pubblica e dei successivi lavori di adeguamento potrà ragionevolmente essere riattivato entro la fine del mese di Aprile e gli inizi di maggio. Ovviamente rimangono tante altre cose da risolvere. Dispiace solo prendere atto che, se chi ci ha preceduto avesse mostrato maggiore attenzione e interesse ai reali problemi del paese, queste risorse pubbliche si sarebbero potute impiegare per progetti più ambiziosi da rivolgere, in particolare, alla zona extra urbana i cui abitanti da troppo tempo attendono risposte concrete a quelle esigenze più volte lamentate e mai ascoltate da più di un decennio. Stiamo comunque pianificando come intervenire anche in questo senso. Quanto sopra ha richiesto un impegno incessante ed estenuante, che quest’amministrazione ha svolto nei primi 19 mesi di mandato, nonostante la gravissima crisi economica, con l’obiettivo dichiarato di costruire un paese migliore per le generazioni a venire!!

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.